In mostra all'Arsenale "Touroperator" di Massimo Sansavini: diario di vite dal mare di Sicilia [Gallery] :ilSicilia.it
Palermo

L'esposizione nell'ambito del festival delle letterature migranti

In mostra all’Arsenale “Touroperator” di Massimo Sansavini: diario di vite dal mare di Sicilia [Gallery]

3 Ottobre 2017

Dal 4 al 12 ottobre il Festival delle Letterature Migranti ospiterà la mostra itinerante Touroperator che attraverso le opere di Massimo Sansavini, realizzate con il legno degli scafi delle barche dei migranti,racconta il dramma delle migrazioni del XXI secolo.

Sansavini è l’unico artista ad aver ottenuto l’autorizzazione dal Tribunale di Agrigento ad accedere al cimitero delle barche di Lampedusa, nell’ex-base americana Loran: qui accanto agli scafi, ormai abbandonati, sono rimasti molti degli oggetti personali che hanno accompagnato i viaggi della speranza attraverso il Mediterraneo. Il legno prelevato dalle imbarcazioni abbandonate è stato trasformato dall’artista in sculture che raccontano i singoli naufragi. A ricordarceli è il titolo dell’opera: la data in cui è avvenuto.

La mostra, curata da Daniela Brignone, ha ottenuto il patrocinio di Amnesty International con la seguente motivazione: “Ciò che resta dei naufragi e degli arrivi a Lampedusa, grazie all’interpretazione e alla trasformazione artistica, diventa in “Tour Operator” un potente strumento simbolico. Oggetti che rappresentano vite, per ricordarci, sempre, che dietro i numeri che sentiamo ovunque ogni giorno ci sono storie, speranze, persone”.

Circa 30 opere realizzate con il legno degli scafi dei migranti saranno esposte presso l’Arsenale Borbonico di Palermo, gestito dalla Sovrintendenza del Mare, Regione Sicilia. Esse saranno affiancate da fotografie scattate presso la stessa base, oltre a video e pannelli informativi. Saranno esposti, altresì, timoni, salvagente, suppellettili e oggetti personali reperiti negli scafi.

Il progetto nasce per raccontare le migrazioni, come progetto didattico per le scuole sul tema, per tessere relazioni con i migranti di seconda generazione.

La mostra è stata già ospitata presso i Musei San Domenico di Forlì, il Parlamento Europeo di Bruxelles e l’Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna.

 

Massimo Sansavini è un artista forlivese. Ha all’attivo mostre in molti musei, in Italia e all’estero, tra cui il Museo Nazionale di Belle Arti a Rio de Janeiro, il MU.B.E di San Paolo, il Namoc in Cina, e poi in Germania ed in Finlandia, con i patrocini del Presidente della Repubblica, del Governo Italiano, oltre che del Mibact.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.