17 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.38
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

la senatrice Papatheu sollecita opere urgenti

In Parlamento si chiede Commissione d’Inchiesta sulla A18: “Autostrada da terzo mondo”

6 febbraio 2019

Il Governo nazionale intervenga subito per mettere fine alla vergogna mortale dell’autostrada Messina-Catania. Anziché prendere in giro i siciliani con la Tav Catania-Palermo per tentare di raccattare qualche voto in più per le Europee, si disponga un piano immediato di interventi urgenti per rimediare ai gravi pericoli in atto su un’autostrada da terzo mondo”.

Lo afferma la senatrice Urania Papatheu (FI) sulla disastrosa situazione della A18 Messina-Catania che sta scatenando la protesta dei cittadini per la condizione di estrema pericolosità in cui versa il tracciato che attraversa il territorio del primo polo turistico siciliano.

Urania Papatheu
Urania Papatheu

Il caso A18 supera, dunque, i confini regionali e arriva in Parlamento, dove l’esponente siciliana di Forza Italia chiede l’istituzione di una Commissione d’Inchiesta per fare luce su questa drammatica ed inquietante vicenda” e sollecita “un piano straordinario per mettere in sicurezza la A18 senza ulteriori perdite di tempo”.

“Nella pochezza disarmante che questo Governo esprime – afferma Papatheu -, abbia almeno un sussulto di dignità e faccia la sua parte per dare supporto alla Giunta regionale, che sta cercando di rimediare agli eventi disastri ereditati dalla precedente Giunta siciliana. Bisogna tutelare e salvare gli utenti che ormai ogni giorno rischiano la vita tra centinaia di buche, interi tratti rattoppati in malo modo, doppi sensi di circolazione, illuminazione fatiscente e una frana a Letojanni che dal 2015 attende di essere rimossa. Si disponga, intanto, una Commissione d’inchiesta per accertare le responsabilità di questo scempio conclude Papatheu -. Questa vergogna non può più continuare”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.