In ricordo di Roberto Sottile: l'omaggio alla vita del compianto professore :ilSicilia.it

In ricordo di Roberto Sottile: l’omaggio alla vita del compianto professore

di
8 Agosto 2021

È estate Roberto, di quelle estati che sembravano non finire mai. I nuovi libri, le presentazioni, il caldo e i luoghi che ti attendevano per presentare il tuo nuovo lavoro. Che verrebbe voglia di urlare quel “Suca” alla morte e chiedergli di tornare indietro, di cambiare strada, di lasciarti ancora qui con noi. Come in un film di Dreyer coi belati che si attaccano allo stomaco.

È estate…ti ricordi quando nell’agosto del 2011 preparammo lo spettacolo dei pupi di Angelo Sicilia sui fatti del 20 Gennaio a Caltavuturo? Quando i contadini furono trucidati dall’esercito di Crispi proprio sulle terre della tua amata Caltavuturo? Moffo Schimmenti compose le musiche e tu cantasti, per noi, assieme a Francesca Martino. A pensarci bene, Mauro, tuo figlio era ancora piccolo e già suonava divinamente.

È estate Roberto, di quelle che somigliano all’agosto dell’anno scorso, quando tu presentasti il mio ultimo libro. Alla fine ci pentimmo, io e Maria Grazia, di non aver registrato la tua voce e quelle parole che sapevano scavare dentro ogni cosa, soprattutto dentro di noi. Ci sembrò un dono di immane bellezza.

Ma da oggi è arrivato l’inverno all’improvviso e quel gelo che conosciamo bene noi madoniti, il freddo nelle ossa che immobilizza gli arti e fa arrossare il naso e le gote. Si, sei stato capace di immobilizzarci tutti dentro ad un incubo, per usare le parole di un amico che, come me, ti ha voluto bene, il nostro Vincenzo Pinello.

E tu per me non sei stato il professore che tutti hanno amato all’Università di Palermo, né un collega apprezzato e stimato. Tu sei stato la narrazione di chi ha saputo essere tante cose assieme. Un grande studioso con il pallino per l’umiltà, un intellettuale appassionato di cultura popolare e musica, con una voce bellissima che si attorcigliava sulle scale a chiocciola del sapere.

È un gran peccato Roberto che tu sia andato via, in punta di piedi e con il garbo che ti ha sempre contraddistinto. È un peccato che un uomo come te non possa più continuare a studiare, analizzare il nostro dialetto per consegnarci ancora le sue meraviglie. La Sicilia perde un uomo di cui aveva ancora un immane bisogno. Quando la morte viene a prendersi una testa, prima che un corpo, allora è impossibile accettare la fine, questa fine e si urla reclamando altro tempo.

Il tempo largo e amplificato, quello vissuto ogni istante e non quello lineare a cui siamo abituati ogni giorno. Le dimensioni che il tramonto della ragione non conosce. Ma una cosa te la posso dire? Nell’incredulità che non riesce ancora a farci accettare il tuo nuovo viaggio, qualcosa accadrà. Certo, te lo dobbiamo dire, ci hai stupiti questa volta e anche sconvolti all’idea di non vederti più, ma chi siamo noi per non accarezzare l’idea che la pace sia meglio dell’irrequietezza?

Ed io ti vedo in questa nuova avventura abbracciare Eugenia e Mauro e forse tutti noi che abbiamo avuto il grande “prio” di passeggiarla un po’ con te questa vita. Passeggiarla da intellettuali stralunati che indagano e non sono mai paghi. Con la testa in aria e gli occhi rivolti sempre in alto. Teste ntallaria…è così che si scrive prof? Dove mancano gli accenti?

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro