In Sicilia in calo la mortalità delle malattia al fegato :ilSicilia.it

I dati presentati a Siracusa

In Sicilia in calo la mortalità delle malattia al fegato

di
12 Dicembre 2019

Negli ultimi dieci anni in Sicilia la mortalità per malattie del fegato è drasticamente diminuita. Merito dei circa 14mila trattamenti con i nuovi farmaci ad azione antivirale diretta per l’epatite C, che hanno guarito i pazienti dei centri della rete Sicilia Hcv, ma anche dei miglioramenti della gestione della ipertensione portale e delle complicanze della cirrosi. Di questo e altro si è discusso alla riunione annuale di Grecas, il Gruppo Epatologico Clinico Associativo Siciliano, che si è svolta nelle sale del Grand Hotel Villa Politi di Siracusa, il 6 e 7 dicembre.

Cinquanta esperti provenienti da tutta la Sicilia, ma anche dal resto d’Italia, si sono confrontati nell’arco di sette sessioni, tra letture e tavole rotonde, su tutte le novità in campo di diagnostica e cura delle malattie del fegato. 

È stato un momento di confronto tra gli epatologi siciliani e gli esponenti di altre società scientifiche (diabetologi e specialisti di obesità) che insieme hanno pianificato come fronteggiare la minaccia emergente della malattia da fegato grasso.

Grande attenzione è stata rivolta dagli esperti ad approcci futuristici di terapia: recettori Fxr, ruolo e manipolazione del microbiota, nuove terapie antibiotiche per le infezioni da germi multiresistenti nel paziente cirrotico e nuovi approcci di terapia antitumorale per l’epatocarcinoma. Dopo il successo di Resist (la rete siciliana di trattamento della epatite C) che rappresenta oggi un modello efficace cui molti si ispirano, è in fase avanzata un progetto di gestione in rete di altre malattie del fegato: la colangite biliare primitiva, l’epatite cronica B, l’encefalopatia epatica, la epatite da fegato grasso, i trapianti e il cancro.

Infine, durante l’assemblea dei soci è stato rinnovato il Consiglio direttivo di Grecas. Nuovo presidente è Marco Distefano, dirigente medico dell’Unità operativa complessa di Malattie infettive dell’Asp 8 di Siracusa. Gli altri eletti nel Consiglio sono: Vincenza Calvaruso e Mario Fiorello di Palermo; Maria Rita Cannavò e Carmelo Virgillito di Catania; Gaia Caccamo di Messina e Mauro Sapienza di Enna.

“Sono onorato della fiducia che prestigiosi colleghi mi hanno accordato – ha affermato il neo presidente Distefano – . Il Grecas è un gruppo che cresce, produce salute ed evidenze scientifiche e si propone a modello di buona sanità. Credo che il nostro segreto sia quello di essere fondamentalmente un gruppo di amici con obiettivi comuni. Sono molto contento della squadra che mi è stata cucita addosso e sono sicuro che saremo all’altezza della preziosa eredità che riceviamo in dote”.

Le nostre prossime sfide – conclude Distefano – sono rappresentate da malattie come la steatoepatite non alcolica e la epatite cronica B che non hanno ancora una terapia risolutiva, dalla ricerca delle infezioni da HCV misconosciute in popolazioni speciali (carceri, tossicodipendenti, omosessuali maschi), dalla diagnosi precoce del tumore del fegato mediante implementazione dello screening ecografico delle popolazioni a rischio e dalla diffusione della cultura della donazione degli organi, che vede tuttora la Sicilia agli ultimi posti in Europa”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.