In Sicilia le mummie mangiavano troppa carne (ma vivevano a lungo) | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Messina

I 26 sacerdoti vissuti tra XVIII e XIX sec. vissero però relativamente a lungo

In Sicilia le mummie mangiavano troppa carne (ma vivevano a lungo)

di
11 Aprile 2017

Non è un film horror in cui la mummia terrorizza i vivi nutrendosi di carne umana, ma uno studio scientifico sui alcuni resti mummificati ritrovati nel messinese che ha riscontrato un gran consumo di proteine animali.

 

Le indagini sulle mummie di 26 sacerdoti, vissuti a Piraino tra il XVIII e il XIX secolo, custodite nella chiesa madre del centro del messinese hanno infatti rivelato una relativa longevità nei soggetti, almeno per quei tempi: dai 50 agli 80 anni, a dimostrazione di una buona alimentazione e di una vita sana.

Le malattie che affliggevano i religiosi erano di natura ossea, ma anche dovute a un’alimentazione iperproteica, a base di proteine animali soprattutto derivanti dalla carne, considerata un alimento nobile.
Sono i risultati dello studio radiologico sulle mummie di Piraino, condotto da un gruppo di ricerca internazionale e diretto dall’antropologo Dario Piombino-Mascali nell’ambito del Progetto mummie siciliane.
Dal punto di vista storico, i dati archivistici forniti dall’antropologo Marcello Mollica, dell’Università di Friburgo, hanno rivelato dettagli come età e caratteristiche sulle storie individuali. Come arcipreti, infatti, gli ospiti della cripta godevano di una sepoltura costosa e privilegiata, fondata dall’arciprete Antonio Scalenza nel 1771.
Le indagini radiografiche sono state condotte direttamente in loco con il contributo di National Geographic, di cui Dario Piombino-Mascali è esploratore.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.