In Sicilia stanno scomparendo le banche: un quarto dei comuni è senza sportelli :ilSicilia.it

I dati presentati dall'assessore Armao

In Sicilia stanno scomparendo le banche: un quarto dei comuni è senza sportelli

di
2 Dicembre 2019

In Sicilia si è passati da 35 banche con sede legale nel territorio regionale nel 2005 a 23 istituti a fine 2018. Anche se si amplia la prospettiva al totale delle banche che lavorano in Sicilia, la decrescita è evidente, con un passaggio da 70 istituti a 59. A oggi un quarto dei comuni siciliani è senza sportelli.

Non è un quadro confortante quello del credito in Sicilia, sul quale ha fatto il punto l’assessore regionale all’Economia Gaetano Armao, insieme a Benedetta Cannata, dirigente del dipartimento Finanze, e a Leonardo Giacalone, dirigente del servizio Credito e Agevolazioni creditizie, durante la presentazione del Rapporto Annuale dell’Osservatorio regionale sul credito: “Emerge la difficoltà di fare banca in Sicilia – afferma Armao La presenza degli sportelli nei comuni dell’Isola si è rarefatta avendo come effetto una caduta dei servizi bancari ai cittadini“.  Al 31 dicembre 2018 in Sicilia il numero totale degli sportelli ammonta a 1273 unità. Alla stessa data del 2017 erano 1411.

Il governo regionale sta correndo ai ripari: c’è un accordo con Abi ed è stata avviata un’interlocuzione con Poste per un rafforzamento del sistema postale. Anche il nostro fondo pensioni sta avviando un’interlocuzione con Poste con l’idea di proteggere il territorio e l’accesso al credito delle nostre famiglie”.

Per ciò che concerne i depositi, si registra un incremento positivo, da 58 miliardi a 59 da dicembre 2016 a dicembre 2017 e a quasi 60 a dicembre 2018. Gli impieghi ammontano a 28 miliardi: “Non crescono come dovrebbero“, commenta Armao. Cala il rapporto sofferenze impieghi, ma questo succede anche per i meccanismi di cessione dei crediti deteriorati, che provoca la vendita massiva degli immobili a garanzia tramite procedure giudiziarie che hanno ripercussioni sul mercato immobiliare non indifferenti, con una perdita di valore stimata in 5 miliardi di euro.

Per quel che riguarda l’accesso al credito, infine, alla Regione siciliana è stato assegnato un contributo di 102,6 milioni di euro proveniente da fondi europei Por Fesr 2014-2020, con possibilità di arrivare fino a 200 milioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin