In Sicilia stanno scomparendo le banche: un quarto dei comuni è senza sportelli :ilSicilia.it

I dati presentati dall'assessore Armao

In Sicilia stanno scomparendo le banche: un quarto dei comuni è senza sportelli

2 Dicembre 2019

In Sicilia si è passati da 35 banche con sede legale nel territorio regionale nel 2005 a 23 istituti a fine 2018. Anche se si amplia la prospettiva al totale delle banche che lavorano in Sicilia, la decrescita è evidente, con un passaggio da 70 istituti a 59. A oggi un quarto dei comuni siciliani è senza sportelli.

Non è un quadro confortante quello del credito in Sicilia, sul quale ha fatto il punto l’assessore regionale all’Economia Gaetano Armao, insieme a Benedetta Cannata, dirigente del dipartimento Finanze, e a Leonardo Giacalone, dirigente del servizio Credito e Agevolazioni creditizie, durante la presentazione del Rapporto Annuale dell’Osservatorio regionale sul credito: “Emerge la difficoltà di fare banca in Sicilia – afferma Armao La presenza degli sportelli nei comuni dell’Isola si è rarefatta avendo come effetto una caduta dei servizi bancari ai cittadini“.  Al 31 dicembre 2018 in Sicilia il numero totale degli sportelli ammonta a 1273 unità. Alla stessa data del 2017 erano 1411.

Il governo regionale sta correndo ai ripari: c’è un accordo con Abi ed è stata avviata un’interlocuzione con Poste per un rafforzamento del sistema postale. Anche il nostro fondo pensioni sta avviando un’interlocuzione con Poste con l’idea di proteggere il territorio e l’accesso al credito delle nostre famiglie”.

Per ciò che concerne i depositi, si registra un incremento positivo, da 58 miliardi a 59 da dicembre 2016 a dicembre 2017 e a quasi 60 a dicembre 2018. Gli impieghi ammontano a 28 miliardi: “Non crescono come dovrebbero“, commenta Armao. Cala il rapporto sofferenze impieghi, ma questo succede anche per i meccanismi di cessione dei crediti deteriorati, che provoca la vendita massiva degli immobili a garanzia tramite procedure giudiziarie che hanno ripercussioni sul mercato immobiliare non indifferenti, con una perdita di valore stimata in 5 miliardi di euro.

Per quel che riguarda l’accesso al credito, infine, alla Regione siciliana è stato assegnato un contributo di 102,6 milioni di euro proveniente da fondi europei Por Fesr 2014-2020, con possibilità di arrivare fino a 200 milioni.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.