19 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.22

Viaggio nel mondo delle cooperative siciliane

In Sicilia il modello delle cooperative è uno dei più collaudati e resistenti

11 Luglio 2017

La cooperativa. Una parola per mille soluzioni. Un modo di raccontare tante storie che in Sicilia valgono un’unica filosofia di organizzazione e di gestione. La parabola costante di un mondo, che da oltre 30 anni vale un pezzo significativo di tessuto economico e sociale nell’Isola e che si riassume all’interno di un corredo di numeri e cifre che aiutano a capire uno spaccato di realtà siciliana.

Intuizioni o errori clamorosi, modalità di utilizzo di precariato e soluzioni politicizzate. Il contenitore del passato è in grado di produrre una narrativa vasta e articolata.

Il presente dice che oggi sono 12.821 le cooperative in Sicilia, sulle quali il dipartimento delle Attività produttive della Regione effettua la vigilanza.

Di queste 7048  costituiscono il totale delle cooperative aderenti alle ‘centrali cooperative’, 5773 rappresentano il totale di quelle “non aderenti”, suddivise così in funzione di quello che viene definito ‘indice di rappresentatività:
AGCI: 710 –     CONFCOOP: 2438 –    LEGACOOP: 1026 –     UECOOP: 131 –    UNICOOP 636 –     UNCI: 832.

Il compito del dipartimento regionale preposto è quello di predisporre revisioni a cadenza annuale e biennale, per verificare lo stato di salute di ognuna. In altre parole, se hanno depositato i bilanci o se stanno perseguendo lo scopo per cui sono state costituite.

E poi c’è L’Ircac (Istituto regionale per il credito alla cooperazione). ‘Un carrozzone’, l’ennesimo di troppo, secondo alcuni, della politica siciliana. Un sottogoverno che non produce esiti, secondo altri. Un ente necessario e opportuno secondo altri ancora. Analisi e giudizi, i primi, che spesso rimangono sospesi senza  il conforto di una valutazione reale e asettica.

L’istituto fa parlare i numeri: dall’ottobre del 2012 al marzo del 2017 l’Ircac ha deliberato e impegnato finanziamenti diretti e indiretti per linee di credito e massa finanziaria movimentata, per un totale di 60.302.334, 03 euro.

Di questi, 451 per credito di esercizio per un totale di 13 milioni di euro, 224 per credito a medio termine per u totale di 27.053.026,57 euro, 77 alla voce contributo interessi per un movimento di 17.884.488,41 euro e ancora leasing agevolato per 1.134.046 euro e contributi a fondo perduto per 1.226mila euro.

Alla Regione poi non mancano le cooperative che si occupano di politiche sociali e assistenza, mentre l’assessorato alla Salute dirotta direttamente sulle Asp le singole incombenze in questione.

In declino le cooperative di edilizia sociale. Un ruolo che si è compiuto nel passato e che, come confermano dall’Assessorato ai Lavori pubblici, ormai sconta solo scampoli residui di programmazione economica.

Considerato che secondo l’Istat l’incidenza ‘dell’economia non osservata’ in Sicilia è pari al 19,5%, sono in diversi a benedire il vecchio e antico rito della cooperativa. Forse non il più originale dei modelli, ma da sempre, tra i più collaudati.

 

 

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.