In tre per incendiare l'auto dell'ex convivente di uno di loro, incastrati dai video | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Catania

l'episodio era avvenuto alcune settimane fa

In tre per incendiare l’auto dell’ex convivente di uno di loro, incastrati dai video

di
14 Novembre 2019

Insieme a due complici avrebbe appiccato il fuoco all’auto della sua ex convivente, dalla quale ha una figlia piccola, che perseguitava da tre anni per avere interrotto la loro relazione.

Le fiamme divampate nella notte del 22 ottobre scorso hanno distrutto anche un’altra vettura, che era parcheggiata accanto.

E’ l’accusa contestata dai Carabinieri del Comando provinciale di Catania a un 34enne della provincia etnea, che è indagato per atti persecutori e danneggiamento seguito da incendio aggravato. Quest’ultimo reato è stato contestato anche ai due suoi complici, un 32enne e un 27enne. Nei loro confronti il gip ha disposto il divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa e l’obbligo di dimora nel comune di residenza.

La svolta nelle indagini è arrivata dai video di telecamere di sorveglianza di un distributore, in cui si vedono i tre riempire di benzina una bottiglia di plastica, e di quella del vicino casa della vittima che li inquadra mentre appiccano il fuoco.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.