In Ucraina con 2 camion pieni di aiuti "Grazie, conta solo la vita" CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it

L'intervista

In Ucraina con 2 camion pieni di aiuti “Grazie, conta solo la vita” CLICCA PER IL VIDEO

di
25 Marzo 2022

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Sono tornata e vi dico, l’unica cosa che conta è la vita. Prendi per mano tuo figlio, tuo marito, passeggia. L’unica cosa che conta è questa. Mia madre mi raccontava che nel ’47 ha dovuto lasciare la sua casa in due ore. Io pensavo che mai sarebbe accaduta una cosa simile a noi. Poi una mattina chiami i parenti in Ucraina e ti dicono: stanotte ci hanno bombardato. Ti svegli e il mondo è cambiato”.
Miroslawa Iwaniuch vive a Capo d’Orlando, da 24 anni, è lì che ha cresciuto i suoi figli, lì che ha trovato l’amore. Ma dal giorno di quella telefonata, è diventata una leonessa insieme alla sua amica, Tatiana Nartenyh hanno messo su una raccolta di aiuti che in poco tempo ha portato ad un carico di 35 tonnellate. Intervistiamo Tatiana e Miroslawa a margine di un incontro promosso dalla Cisl Messina insieme ad Anteas Cisl e Anof Cisl per organizzare nuove raccolte.

LA NOSTRA CAUSA LA CAUSA DI TUTTI

Eravamo solo noi due all’inizio. Le ho detto, affittiamo un furgone. Poi invece si è verificata una cosa straordinaria, la nostra causa è diventata la causa di tutti, la nostra guerra la guerra di tutti. Tutti i paesi dei Nebrodi ci hanno aperto cuore e braccia, e abbiamo raccolto 35 tonnellate di alimenti, medicinali. Il furgone non bastava più e devo ringraziare il sindaco di Capo d’Orlando. Abbiamo potuto fare beneficenza grazie alle sue spalle. Senza di lui non avremmo potuto avere due camion e poi pagare il viaggio fino alla Polonia ed al confine con l’Ucraina”.

IL VIAGGIO VERSO L’UCRAINA
Tatiana e Miroslawa sono salite a bordo dei camion, hanno attraversato l’Italia, hanno raggiunto il confine con l’Ucraina e, giunte lì hanno fatto la loro parte, scaricando gli scatoloni.
Quando siamo giunte lì ci siamo accorte che c’era tutto il mondo ad aiutare. Abbiamo atteso il nostro turno- raccontano- Ci siamo rimboccate le maniche e abbiamo scaricato i pacchi e contattato l’ambasciata per avere poi informazioni sull’arrivo a destinazione, agli orfanotrofi ed alle nostre comunità”.

NOI SIAMO EUROPA

“La situazione è terribile. Un giorno ti svegli ed un popolo che chiamavi tuo fratello inizia a sganciare bombe e tutto brucia. I negozi sono chiusi, manca tutto, c’è la fame. La guerra non è che avvisa, così da un giorno all’altro ti ritrovi senza niente. Non sai se c’è un domani. In Polonia abbiamo visto la solidarietà del mondo ma anche la disperazione, ogni giorno attraversano il confine dall’Ucraina 15 mila persone. Anche a piedi e con un unico bagaglio, il documento. Io ricordo che mia madre raccontava quando dovette fuggire lasciando casa sua in 2 ore e non ci credevo. Invece ora accade. Ma anche il viaggio è stato importante per noi. Siamo state in Polonia e abbiamo visto come queste settimane di guerra l’hanno cambiata. La Polonia è Europa, noi siamo Europa, nessuno vuole la guerra. Nessuno.”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.