Inail Palermo: "Troppe vittime sul lavoro, serve cambio culturale" :ilSicilia.it
Palermo

la "Giornata nazionale delle vittime sul lavoro"

Inail Palermo: “Troppe vittime sul lavoro, serve cambio culturale”

13 Ottobre 2019

“Sono circa 3,5 milioni i lavoratori italiani ancora oggi esclusi dalla copertura Inail; significa che intere categorie di lavoratori e lavoratrici ancora oggi non hanno tutele in caso d’infortunio né visibilità; significa che purtroppo molte vittime sono escluse dai dati statistici ufficiali e dalle prestazioni di legge”.

michelangelo ingrassiaLo ha dichiarato Michelangelo Ingrassia, Presidente del Comitato Consultivo Provinciale Inail di Palermo, a margine del convegno organizzato dall’Anmil in occasione della 69ª Giornata Nazionale delle Vittime sul Lavoro, che si è svolto al Complesso Monumentale dello Spasimo.

“Penso – ha concluso Ingrassia – che il cambiamento culturale necessario per affrontare la questione sicurezza sul lavoro, debba cominciare da qui: dal garantire a tutti i lavoratori e lavoratrici uguali tutele e uguali diritti come sancito dalla Costituzione”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.