Inail Palermo: "Troppe vittime sul lavoro, serve cambio culturale" :ilSicilia.it
Palermo

la "Giornata nazionale delle vittime sul lavoro"

Inail Palermo: “Troppe vittime sul lavoro, serve cambio culturale”

di
13 Ottobre 2019

“Sono circa 3,5 milioni i lavoratori italiani ancora oggi esclusi dalla copertura Inail; significa che intere categorie di lavoratori e lavoratrici ancora oggi non hanno tutele in caso d’infortunio né visibilità; significa che purtroppo molte vittime sono escluse dai dati statistici ufficiali e dalle prestazioni di legge”.

michelangelo ingrassiaLo ha dichiarato Michelangelo Ingrassia, Presidente del Comitato Consultivo Provinciale Inail di Palermo, a margine del convegno organizzato dall’Anmil in occasione della 69ª Giornata Nazionale delle Vittime sul Lavoro, che si è svolto al Complesso Monumentale dello Spasimo.

“Penso – ha concluso Ingrassia – che il cambiamento culturale necessario per affrontare la questione sicurezza sul lavoro, debba cominciare da qui: dal garantire a tutti i lavoratori e lavoratrici uguali tutele e uguali diritti come sancito dalla Costituzione”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin