16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.39
Palermo

la denuncia dell'associazione comitati civici Palermo

Inaugurata da nemmeno un anno: Degrado e sporcizia nella villetta di piazza Principe di Camporeale | Foto

14 Agosto 2019
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'

 

Guarda in alto le foto

Degrado e sporcizia è la situazione in cui versa la villetta di piazza Principe di Camporeale a Palermo.

E’ stata riaperta dopo circa 28 anni, il 24 novembre 2018, ed inaugurata solennemente alla presenza delle autorità. Da quel giorno probabilmente nessuno si è più recato sul luogo. Le foglie secche hanno generato migliaia di zanzare giganti, che non consentono di fermarsi sul luogo.

Le aiuole sono quasi secche nonostante affiorino i tubi di un impianto idrico in atto non funzionante. Strutturalmente la villetta è ancora in ottime condizioni: un calpestio in cemento (che non si vede più perché ricoperto dalle foglie secche) e due panchine nuovissime.

Questa villetta, miracolosamente non trasformata ancora in discarica, come altre presenti in città, potrebbe refrigerare dalla calura il passante. Ma è evidente che non viene innaffiata da troppo tempo, affermano dall’associazione comitati civici Palermo.

I residenti raccontano il graduale degrado cui il giardino è andato incontro. Si è trasformato da giardino di erbe odorose a giardino di erbacce alte due metri. Per quanto riguarda l’impianto di irrigazione raccontano che funzionava anche troppo, creando delle pozzanghere in cui le zanzare facevano festa. Quando la situazione è diventata ingestibile, e ormai era tutta un’erbaccia, gli operai del Comune sono arrivati con le ruspe e hanno rimosso le erbacce e le erbe odorose, tranne un paio di cespugli di erbacce, tra le quali annaspa la lavanda“, proseguono dall’associazione.

L’uso di mezzi per l’estirpazione ha probabilmente danneggiato anche i tubi dell’impianto di irrigazione che da allora non hanno visto più in funzione. Anche la superstite lavanda, dunque, sta seccando, soffocata dalle erbacce.  Occorre un intervento urgente per ripristinare l’impianto, ove fosse effettivamente guasto, e l’irrigazione del giardino, con la cura delle piante, di cui il quartiere ha estremo bisogno, vista la carenza di spazi verdi adeguati per i cittadini, soprattutto anziani e bambini“, concludono.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.