Inaugurato il "Circolo di Rete 100 Passi", presenti il sindaco ed il ministro Orlando [Gallery] :ilSicilia.it
Palermo

Il progetto, nato con liceo galilei, in ricordo di Peppino Impastato e della sua Radio Aut

Inaugurato il “Circolo di Rete 100 Passi”, presenti il sindaco ed il ministro Orlando [Foto Gallery]

di
24 Febbraio 2017
Foto di Vito Campo
Foto di Vito Campo
Foto di Vito Campo
Foto di Vito Campo
Foto di Vito Campo
Foto di Vito Campo
Foto Italpress

Nasce il “Circolo Musica e Cultura – Radio 100 passi”, in via Giosuà Carducci 8, un bene confiscato alla mafia che prima era un negozio; oggi c’è stata la presentazione e l’inaugurazione, sulla scia di quello degli anni ’70 vissuto a pieno da Peppino Impastato e dai suoi compagni. Il progetto coinvolge in prima persona i ragazzi specie quelli delle scuole. Nasce infatti grazie alla collaborazione tra il Liceo scientifico Galileo Galilei di Palermo e Rete 100 passi. All’interno ci sarà la sala regia di Radio 100 passi ragazzi (sul modello di Radio – Aut) e il Circolo musica e cultura arredato dagli stessi studenti del Liceo Galilei con materiale di riciclo.

andrea-orlandoPresente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, che si sta spendendo in prima persona per l’espropriazione del casolare dove fu assassinato Peppino Impastato, vista la “sordità di Crocetta”. Casolare in cui il ministro si è recato, subito dopo l’inaugurazione.

“L’inaugurazione di una web radio nel segno di Peppino Impastato, gestita da alcuni studenti di Palermo in un bene confiscato, è una notizia bellissima. Questi sono ragazzi che si confrontano con la potenza che ha la storia nell’attualità, con le parole e l’esempio di Peppino Impastato, con una stagione del nostro Paese che grazie anche alla nascita delle radio ha visto montare il pluralismo, speriamo che segnali come questo indichino una nuova primavera“. Così ha esordito il ministro della Giustizia, molto attento all’esempio di Peppino Impastato ma anche alla formazione delle nuove generazioni. “So che c’è un progetto della Regione siciliana che sosterremo con tutte le forze perché sarebbe un grandissimo segnale – ha aggiunto in proposito il guardasigilli – Significherebbe dare alle nuove generazioni dei riferimenti tangibili e non solo iconografici; avere un posto dove capire una pagina importante della storia d’Italia oscurata, peraltro, da un altro evento drammatico. La figura di Impastato stenta ad emergere nella memoria collettiva perché la sua morte è avvenuta lo stesso giorno del ritrovamento del corpo di Aldo Moro, quando l’Italia guardava dall’altra parte. Bisogna ridare peso a questa vicenda”. 

Da un Orlando all’altro; presente infatti anche il sindaco della città di Palermo Leoluca Orlando, impegnato nella campagna elettorale per le elezioni comunali. Al loro fianco apriranno le trasmissioni di Radio 100 passi ragazzi insieme al Ministro Orlando, Filomena Albano Autorità Garante nazionale per l’infanzia e l’adolescenza, il senatore Stefano Vaccari in rappresentanza della Commissione Nazionale Antimafia, Rosa Rizzo preside del Liceo Galilei, Maria Luisa Altomonte Direttore Usr Sicilia, Giovanni Impastato fratello di Peppino e Danilo Sulis presidente di Rete 100 passi.

“Peppino Impastato non si è ribellato solo alla sua famiglia ma anche a una sorta di ordine costituito; non dobbiamo dimenticare che in questo Paese, fino a non tantissimo tempo fa c’era chi negava l’esistenza della mafia: lo hanno fatto esponenti della chiesa, delle istituzioni, della magistratura. Quando si dice che in questi anni non è successo niente, si negano le battaglie seguite alla morte di Peppino Impastato”. Continua il ministro. “Bisogna rafforzare tanti strumenti nella lotta alla mafia – ha aggiunto il ministro – ma anche essere consapevoli della strada che si è fatta perché così si è anche più capaci di affrontare i prossimi passaggi, l’esistenza della mafia oggi viene universalmente riconosciuta come il male e queste acquisizioni sono fattori importanti e non un fatto scontato”.

“Dire ai giovani di combattere la mafia e di farlo sotto l’egida di un protettore laico come Peppino Impastato – ha concluso il guardasigilli – ci deve rendere orgogliosi della capacità che l’Italia ha avuto di percorrere un cammino che è costato tante vite umane. Questo va sottolineato perché se siamo bravi a cavalcare il malcontento e il malessere dobbiamo essere altrettanto onesti e capire che è possibile fare qualcosa, come lo ha fatto un ragazzo negli anni 70-80 in un piccolo comune mafioso”.

Il programma prevede una conferenza dal titolo “Parliamo di Bullismo e Ciberbullismo”, in tarda mattinata, mentre si chiuderà alle ore 18 con la performance del rapper Cristian “Picciotto”. L’evento, ad ingresso libero che si svolgerà nel circolo e nello spazio stradale verrà trasmesso in diretta da Radio 100 passi e da 100 passi tv.

Il ministro Orlando ha anche parlato della difficile situazione che stanno attraversando il governo e, soprattutto, il Partito Democratico : “Dobbiamo dare il tempo ai nostri militanti non soltanto di ascoltare noi ma anche di poter dire qualcosa. Questo è il punto di partenza, della politica di palazzo non mi interesso, mi interesso di ascoltare le persone. Abbiamo detto tante cose in questi anni, alcune giuste e alcune sbagliate, ma ci siamo dimenticati di sentire la gente”. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, a margine dell’inaugurazione, Orlando, candidato alla segreteria del Pd, ha commentato l’ipotesi che Matteo Renzi, segretario uscente, possa forzare un po’ la mano: “Se penso di farcela? Se non lo pensassi non mi sarei candidato”, ha sottolineato Orlando.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin