Incendi a Misilmeri: bruciano le campagne assediate dall'incuria | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

A Marraffa e Cottanera

Incendi a Misilmeri: bruciano le campagne assediate dall’incuria | FOTO

di
5 Luglio 2020

Guarda le foto in alto

Sono ancora in atto da questa mattina gli interventi dei canadair che viaggiano per spegnere le fiamme divampate nelle zone di campagna di Marraffa e Cottanera nel territorio di Misilmeri, quest’ultima in particolare segnata da anni dall’incuria.

Il rogo ha distrutto già diversi ettari di terreno e minacciato alcune aree abitate. E’ già la terza volta quest’anno che le aree sono soggette a incendi.

Attualmente sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco insieme alla protezione civile, agli uomini della forestale e i carabinieri che, insieme, stanno portando avanti un’importante operazione di controllo e intervento per controllare il più possibile la situazione.

In un secondo momento si cercherà di risalire alle responsabilità dell’accaduto, senza tralasciare il controllo di chi non ha ottemperato all’ordinanza dell’amministrazione di ripulire i propri terreni in vista della stagione estiva, proprio per evitare tali accadimenti.

“Atti del genere vanno sempre condannati, con l’ausilio dei vigili del fuoco verificheremo le responsabilità e controlleremo chi nonostante l’ordinanza non ha ripulito il terreno” scrive il sindaco Rosalia Staderelli su una nota sui social, per informare la cittadinanza di quanto sta accadendo in queste ore nel territorio.

La zona di Marraffa può a tutti gli effetti definirsi una discarica a cielo aperto.  Le strade sono un percorso ingombrato da rifiuti di ogni genere che da anni si accumulano e si deteriorano sotto il sole e la pioggia delle stagioni. Presenti inoltre rifiuti altamente nocivi, come l’amianto, che mettono in pericolo non solo la vivibilità della contrada, ma soprattutto la salute ambientale e dei residenti.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.