Incendi a Misilmeri: bruciano le campagne assediate dall'incuria | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

A Marraffa e Cottanera

Incendi a Misilmeri: bruciano le campagne assediate dall’incuria | FOTO

di
5 Luglio 2020

Guarda le foto in alto

Sono ancora in atto da questa mattina gli interventi dei canadair che viaggiano per spegnere le fiamme divampate nelle zone di campagna di Marraffa e Cottanera nel territorio di Misilmeri, quest’ultima in particolare segnata da anni dall’incuria.

Il rogo ha distrutto già diversi ettari di terreno e minacciato alcune aree abitate. E’ già la terza volta quest’anno che le aree sono soggette a incendi.

Attualmente sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco insieme alla protezione civile, agli uomini della forestale e i carabinieri che, insieme, stanno portando avanti un’importante operazione di controllo e intervento per controllare il più possibile la situazione.

In un secondo momento si cercherà di risalire alle responsabilità dell’accaduto, senza tralasciare il controllo di chi non ha ottemperato all’ordinanza dell’amministrazione di ripulire i propri terreni in vista della stagione estiva, proprio per evitare tali accadimenti.

“Atti del genere vanno sempre condannati, con l’ausilio dei vigili del fuoco verificheremo le responsabilità e controlleremo chi nonostante l’ordinanza non ha ripulito il terreno” scrive il sindaco Rosalia Staderelli su una nota sui social, per informare la cittadinanza di quanto sta accadendo in queste ore nel territorio.

La zona di Marraffa può a tutti gli effetti definirsi una discarica a cielo aperto.  Le strade sono un percorso ingombrato da rifiuti di ogni genere che da anni si accumulano e si deteriorano sotto il sole e la pioggia delle stagioni. Presenti inoltre rifiuti altamente nocivi, come l’amianto, che mettono in pericolo non solo la vivibilità della contrada, ma soprattutto la salute ambientale e dei residenti.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin