Incendi a Naso, Germanà presenta un'interrogazione: "Governo dichiari stato di calamità" :ilSicilia.it

l'iniziativa del parlamentare

Incendi a Naso, Germanà presenta un’interrogazione: “Governo dichiari stato di calamità”

di
6 Ottobre 2020

Il governo dichiari lo stato di calamità nazionale e intervenga al più presto con ogni mezzo utile per fronteggiare l’emergenza provocata dagli incendi che hanno lambito il centro abitato di Naso nella provincia di Messina“, questo è l’oggetto dì un interrogazione che ha presentato oggi l’onorevole Nino Germanà per gli incendi di Naso, Santo Stefano di Camastra e

forza italia
Nino Germanà

Reitano che in questi giorni hanno bruciato migliaia di ettari di boschi e rivolta al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro dell’ambiente, al Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali e al Ministro dell’interno.

Per difendersi dalla infinita piaga dei roghi – sempre di origine dolosa – occorre che il Governo adotti urgentemente un nuovo piano della forestazione, una riforma degli operatori forestali ma soprattutto un’ ammodernamento degli strumenti di prevenzione e controllo che seguano le tecnologie più avanzate come quelli che si avvalgono di torrette dotate di webcam e dei droni. Non possiamo perdere altro tempo: ogni anno le conseguenze economiche e ambientali sono sempre più gravi e la popolazione colpita ha bisogno del sostegno concreto dello Stato“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin