Incendi di rifiuti, la Sicilia è la regione che brucia di più :ilSicilia.it

Precede Campania e Lombardia

Incendi di rifiuti, la Sicilia è la regione che brucia di più

di
13 Dicembre 2018

Quando c’è la spazzatura di mezzo, la Sicilia è la regione che brucia di più: da maggio del 2017 i roghi che hanno colpito impianti e aree destinati all’ammassamento dei rifiuti  sono stati 55. Il dato si evince dallo studio che è stato effettuato dai Verdi.

In questa non edificante classifica, l’Isola risulta essere in testa, seguita da alcune regioni del Centro e del Nord Italia. In particolare, al secondo posto c’è la Campania, con un numero di incendi che tocca quota 50, cifra non molto distante dal dato siciliano. A seguire la Lombardia, con 42 incendi. Poi il Lazio, che con il rogo dii ieri arriva a 33 roghi.

Impressionanti i numeri che riguardano l’intero territorio nazionale: 146 incendi hanno colpito impianti a supporto della raccolta differenziata; 34 nelle discariche; 47 ai danni di compattatori, isole ecologiche, centri comunali di raccolta; 6 in impianti di compostaggio; 125 aree abusive; sei nei cosiddetti Stir (siti terra dei fuochi); 14 in inceneritori o termovalorizzatori; tre in impianti di altro tipo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.