Incendi, la Sicilia brucia ancora: cinquanta roghi in un giorno :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Incendi, la Sicilia brucia ancora: cinquanta roghi in un giorno

di
9 Agosto 2021

Sono circa 50 gli incendi divampati ieri in Sicilia in una torrida domenica di agosto. Una giornata di intenso lavoro per i vigili del fuoco del comando di Palermo, per i forestali e per il personale della protezione civile impegnati nel fronteggiare diversi roghi boschivi nella provincia.

Le fiamme, favorite dalle alte temperature e dal forte vento che continuavano ad imperversare su tutta alla provincia di Palermo, hanno interessato maggiormente i comuni di Partinico, Campofelice di Fitalia, Vicari, Roccapalumba e Polizzi Generosa. La sala operativa del Comando di Palermo ha messo in campo diverse squadre per fronteggiare le fiamme e tutelare le zone abitate, mentre canadair della flotta del Corpo Nazionale hanno effettuato i lanci nelle zone impervie di Roccapalumba.

Solo in provincia di Palermo sono stati 30 gli interventi per fronteggiare roghi di sterpaglia e macchia mediterranea. La centrale operativa della Protezione civile regionale ha tenuto sotto controllo, oltre ai focolai nel palermitano, quelli nel resto della Sicilia. Tra i più vasti quello di Naro, in contrada Piano Amato, e nei pressi del cimitero di Linguaglossa. Incendi anche sui Nebrodi in provincia di Messina.

“Le Madonie ed in particolare i comuni Di Gangi, Geraci Siculo, Castel di Lucio e San Mauro Castelverde sono stati devasti da un incendio che ha devastato e distrutto flora, fauna, aziende, stalle, fienili!
Il bilancio del giorno dopo é drammatico, i soccorsi e i volontari hanno messo in salvo le persone, no danni a persone, ma un danno enorme al cuore all’economia Madonita!
Si registrano danni a case, stalle, fienili, mezzi agricoli e mandrie, il lavoro di generazioni di agricoltori ed allevatori é andato in fumo”.

A dichiararlo è Gaetano Castagna, Responsabile in Sicilia per la FABI delle BCC il comparto delle Banche di Credito Cooperativo.

“Purtroppo – denuncia Castagna – la tentazione di abbandonare tutto, in questi casi, é naturale ma crediamo che sia il dovere di tutti lavorare per far rinascere dalle ceneri una nuova opportunità di crescita e sviluppo.
La Fabi il principale sindacato dei bancari italiano ribadisce che dopo la conta dei danni bisogna subito ripartire ed immediatamente ricostruire tutto ma serve un aiuto concreto!”.

“Chiediamo un coinvolgimento di tutti gli attori istituzionali: la presidenza della regione, l’assemblea regionale, la città metropolitana, la sosvima, il gal, L’unione dei comuni, i sindaci locali, l‘abi regionale la federazione delle banche di credito cooperativo e non per ultimo le banche locali di attivarsi per un aiuto tangibile e concreto agli agricoltori colpiti direttamente o indirettamente dal disastro economico sociale ed ambientale”.

Serve un aiuto immediato per i soggetti danneggiati – aggiunge Castagna – una prima risposta potrebbe arrivare con una sospensione o una moratoria sui mutui e dei crediti in essere. Ma é forte la convinzione che serve un azione di rilancio economico e sociale ma per farlo servono azioni di lungo periodo con investimenti strutturali e fondi di garanzia”.

”​Ritornare ad investire, ricostruire, ammodernare e perché no internazionalizzare le piccole aziende agricole del territorio madonita – spiega il sindacalista – la politica dovrebbe chiedere ufficialmente magari con delibere dei consigli comunali aperti nei luoghi del disastro ual governo Draghi, sempre attento alle esigenze del territorio, un azione straordinaria con i famosi fondi europei del Pnnr. Noi chiediamo alla politica e alla società civile – conclude – di mettere il settore primario al centro del dibattito economico e sociale!”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.