Incendi nel Palermitano: colpite tre diverse zone nel cuore della notte :ilSicilia.it
Palermo

Tempestivi gli interventi dei vigili del fuoco

Incendi nel Palermitano: colpite tre diverse zone nel cuore della notte

14 Giugno 2019

Quella appena trascorsa è stata una notte molto intensa: tre vasti incendi di sterpaglie sono scoppiati in provincia di Palermo.

Il più’ esteso è divampato in valle Paradiso a Monreale intorno all’una di questa notte e diverse squadre di vigili del fuoco sono intervenute per bloccare il fronte di fuoco. Le operazioni di spegnimento, data la gravità della situazione, si sono protratte fino alle 7,00 di questa mattina.

Ma un altro incendio è scoppiato nel cuore della notte in via Madonna dall’Alto, nella strada che porta al santuario di Petralia Sottana. Alcune squadre di vigili del fuoco hanno lavorato per alcune ore per spegnere il rogo.

Infine, in contrada Piano Menta a Palazzo Adriano si è sviluppato un terzo incendio che ha mandato in fumo alcuni ettari di vegetazione. Le squadre dei vigili del fuoco hanno domato le fiamme e messo in sicurezza la zona.

La stagione non comincia, dunque, nel migliore dei modi: l’ultimo caso di incendio era appena stato registrato ieri, 13 giugno, a Capaci (PA).

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.