Incendi, Pino Apprendi: "Una lotta impari, è guerriglia" :ilSicilia.it
Palermo

PARLA IL LEADER DEL MOVIMENTO 100 PASSI

Incendi, Pino Apprendi: “Una lotta impari, è guerriglia”

di
3 Agosto 2019

Fuoco da Scopello a Termini Imerese,  gente che fugge dalle proprie abitazioni, vigili del fuoco , operai forestali e volontari allo stremo delle forze. È  sempre lo stesso scenario che si ripete nelle giornate in cui caldo e vento, si accordano per consentire, a mani vili e menti perverse di appiccare il fuoco“. Lo dichiara Pino Apprendi, dell’associazione Cento Passi.

Apprendi sottolinea l’esigenza di una attenta campagna di prevenzione: “Ci sono due momenti importanti che bisogna analizzare. Il primo è  la prevenzione, capire se tutto ciò che poteva farsi è  stato fatto, se i Sindaci hanno emesso le ordinanze per far si che i privati procedessero a pulire i propri terreni e se  poi hanno controllato. Se chi ha il compito di realizzare i viali parafuochi , la pulizia del sottobosco e dei bordi delle strade ha provveduto per tempo, se sono stati preparati i piani di prevenzione e i sistemi di allertamento“.

Il rappresentante del movimento Cento Passi si concentra poi sulla repressione del fenomeno degli incendi: “L’altra parte è  la repressione. Su questo credo che le forze in campo questa notte abbiano  fatto tutto ciò  che era nelle loro possibilità ed anche di più . Il vero problema rimane la modalità di quanto è  successo. Lo scenario e la tecnica da guerriglia è sempre la stessa, otto incendi accesi nel buio quasi contemporaneamente, da Scopello a Termini Imerese,  con i mezzi aerei impossibilitati ad intervenire e con gli uomini già  stressati dalla giornata particolarmente calda e impegnativa“.

Pino Apprendi, a proposito degli incendi, parla apertamente di colpa da parte dei responsabili: “Una lotta impari , che chi ha acceso i fuochi aveva preventivato e programmato. Va rivista tutta la materia in ambito forestale , in Sicilia va coperto l’organico delle guardie forestali e ripristinata la dirigenza con laurea specifica. Stessa cosa vale per i vigili del fuoco, ricordiamoci che lo stesso personale, dal punto di vista numerico, che tutti i giorni affronta il soccorso tecnico urgente nelle nostre città viene impiegato negli incendi boschivi“.

L’ex dem chiude con una domanda retorica: “La domanda che tutti ci poniamo è  : “Chi ha concreti interessi a creare questo disastro ambientale mettendo a rischio la vita di tante famiglie”. Non sarà  facile trovare risposta a questa domanda e ancora una volta tutto sarà  archiviato“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.