Incendi, Pino Apprendi: "Una lotta impari, è guerriglia" :ilSicilia.it
Palermo

PARLA IL LEADER DEL MOVIMENTO 100 PASSI

Incendi, Pino Apprendi: “Una lotta impari, è guerriglia”

3 Agosto 2019

Fuoco da Scopello a Termini Imerese,  gente che fugge dalle proprie abitazioni, vigili del fuoco , operai forestali e volontari allo stremo delle forze. È  sempre lo stesso scenario che si ripete nelle giornate in cui caldo e vento, si accordano per consentire, a mani vili e menti perverse di appiccare il fuoco“. Lo dichiara Pino Apprendi, dell’associazione Cento Passi.

Apprendi sottolinea l’esigenza di una attenta campagna di prevenzione: “Ci sono due momenti importanti che bisogna analizzare. Il primo è  la prevenzione, capire se tutto ciò che poteva farsi è  stato fatto, se i Sindaci hanno emesso le ordinanze per far si che i privati procedessero a pulire i propri terreni e se  poi hanno controllato. Se chi ha il compito di realizzare i viali parafuochi , la pulizia del sottobosco e dei bordi delle strade ha provveduto per tempo, se sono stati preparati i piani di prevenzione e i sistemi di allertamento“.

Il rappresentante del movimento Cento Passi si concentra poi sulla repressione del fenomeno degli incendi: “L’altra parte è  la repressione. Su questo credo che le forze in campo questa notte abbiano  fatto tutto ciò  che era nelle loro possibilità ed anche di più . Il vero problema rimane la modalità di quanto è  successo. Lo scenario e la tecnica da guerriglia è sempre la stessa, otto incendi accesi nel buio quasi contemporaneamente, da Scopello a Termini Imerese,  con i mezzi aerei impossibilitati ad intervenire e con gli uomini già  stressati dalla giornata particolarmente calda e impegnativa“.

Pino Apprendi, a proposito degli incendi, parla apertamente di colpa da parte dei responsabili: “Una lotta impari , che chi ha acceso i fuochi aveva preventivato e programmato. Va rivista tutta la materia in ambito forestale , in Sicilia va coperto l’organico delle guardie forestali e ripristinata la dirigenza con laurea specifica. Stessa cosa vale per i vigili del fuoco, ricordiamoci che lo stesso personale, dal punto di vista numerico, che tutti i giorni affronta il soccorso tecnico urgente nelle nostre città viene impiegato negli incendi boschivi“.

L’ex dem chiude con una domanda retorica: “La domanda che tutti ci poniamo è  : “Chi ha concreti interessi a creare questo disastro ambientale mettendo a rischio la vita di tante famiglie”. Non sarà  facile trovare risposta a questa domanda e ancora una volta tutto sarà  archiviato“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.