Incendi, Pino Apprendi: "Una lotta impari, è guerriglia" :ilSicilia.it
Palermo

PARLA IL LEADER DEL MOVIMENTO 100 PASSI

Incendi, Pino Apprendi: “Una lotta impari, è guerriglia”

di
3 Agosto 2019

Fuoco da Scopello a Termini Imerese,  gente che fugge dalle proprie abitazioni, vigili del fuoco , operai forestali e volontari allo stremo delle forze. È  sempre lo stesso scenario che si ripete nelle giornate in cui caldo e vento, si accordano per consentire, a mani vili e menti perverse di appiccare il fuoco“. Lo dichiara Pino Apprendi, dell’associazione Cento Passi.

Apprendi sottolinea l’esigenza di una attenta campagna di prevenzione: “Ci sono due momenti importanti che bisogna analizzare. Il primo è  la prevenzione, capire se tutto ciò che poteva farsi è  stato fatto, se i Sindaci hanno emesso le ordinanze per far si che i privati procedessero a pulire i propri terreni e se  poi hanno controllato. Se chi ha il compito di realizzare i viali parafuochi , la pulizia del sottobosco e dei bordi delle strade ha provveduto per tempo, se sono stati preparati i piani di prevenzione e i sistemi di allertamento“.

Il rappresentante del movimento Cento Passi si concentra poi sulla repressione del fenomeno degli incendi: “L’altra parte è  la repressione. Su questo credo che le forze in campo questa notte abbiano  fatto tutto ciò  che era nelle loro possibilità ed anche di più . Il vero problema rimane la modalità di quanto è  successo. Lo scenario e la tecnica da guerriglia è sempre la stessa, otto incendi accesi nel buio quasi contemporaneamente, da Scopello a Termini Imerese,  con i mezzi aerei impossibilitati ad intervenire e con gli uomini già  stressati dalla giornata particolarmente calda e impegnativa“.

Pino Apprendi, a proposito degli incendi, parla apertamente di colpa da parte dei responsabili: “Una lotta impari , che chi ha acceso i fuochi aveva preventivato e programmato. Va rivista tutta la materia in ambito forestale , in Sicilia va coperto l’organico delle guardie forestali e ripristinata la dirigenza con laurea specifica. Stessa cosa vale per i vigili del fuoco, ricordiamoci che lo stesso personale, dal punto di vista numerico, che tutti i giorni affronta il soccorso tecnico urgente nelle nostre città viene impiegato negli incendi boschivi“.

L’ex dem chiude con una domanda retorica: “La domanda che tutti ci poniamo è  : “Chi ha concreti interessi a creare questo disastro ambientale mettendo a rischio la vita di tante famiglie”. Non sarà  facile trovare risposta a questa domanda e ancora una volta tutto sarà  archiviato“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.