Incendi tra Palermo e provincia: numerosi interventi dei vigili del fuoco :ilSicilia.it
Palermo

fiamme domate dai pompieri

Incendi tra Palermo e provincia: numerosi interventi dei vigili del fuoco

di
5 Giugno 2020

Sono stati domati i roghi che ieri, alimentati dal forte vento di scirocco e dalle alte temperature, hanno divorato ettari di macchia mediterranea e sterpaglie a Palermo e provincia. Decine gli interventi dei vigili del fuoco, impegnati nella zona industriale di Termini Imerese, ma anche a Cefalù, Partinico e Bagheria.

incendio acqua dei corsariNella zona di Villaciambra una lunga scia di fuoco ha avvolto la vegetazione in una zona particolarmente impervia, richiedendo l’intervento oltre che delle squadre a terra anche di due canadair.

Le fiamme si sono propagate anche lungo l’autostrada Palermo-Catania, nei pressi dello svincolo per Villabate, e sulla Palermo Mazara del Vallo, tra Partinico e Balestrate.

Diversi gli alberi sradicati a causa del forte vento, che per tutta la notte ha sferzato Palermo, impegnando i vigili del fuoco soprattutto nella zona di viale Regione siciliana.

Dalla sala operativa dei vigili del fuoco spiegano che “non si registrano feriti”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin