Incendio al Porto di Palermo, Todaro: "Episodio inquietante, nessuno frenerà percorso di legalità" :ilSicilia.it
Palermo

forse un'INTIMIDAZIONE

Incendio al Porto di Palermo, Todaro: “Episodio inquietante, nessuno frenerà percorso di legalità”

di
10 Giugno 2021

Durante le operazioni di spegnimento di un rogo di rifiuti attorno alle 4 della scorsa notte in via dell’Arsenale i vigili del fuoco hanno trovato alcune bottiglie di benzina e tracce di benzina che arrivavano ad altre bottiglie piene di liquido infiammabile che si trovavano nei pressi di alcuni grossi mezzi parcheggiati nell’area di sosta della Grimaldi al porto di Palermo.

L’incendio non ha danneggiato i grossi tir e container grazie ai vigili del fuoco che sono arrivati in pochissimo tempo e hanno scongiurato che l’innesco della benzina potesse provocare danni nell’area parcheggio. Stanno intervenendo gli agenti della polizia che indagano e i tecnici dei vigili del fuoco per cercare tracce utili per risalire agli autori di quella che sembra un’intimidazione. Sono state acquisite le immagini delle telecamere della zona.

Lo scorso febbraio il dirigente della Grimaldi group, Alessandro Bisanti, aveva trovato un proiettile calibro 38 sulla sua scrivania negli uffici di via Amari.

“Forse qualcuno non ha ancora capito che al porto il vento è cambiato e che ci sarà sempre un muro contro qualsiasi tipo di azione o atteggiamento fuori dalle regole”. Lo dice Giuseppe Todaro, presidente dei lavoratori portuali, commentando la notizia dell’incendio nell’area logistica della Grimaldi Group.

“L’incendio appiccato la scorsa notte – aggiunge Todaro – è un episodio preoccupante non solo per l’escalation che si sta registrando, ma anche per la tempistica scelta dagli attentatori, visto che oggi era prevista la visita della Commissione Trasporti della Camera. Per noi, comunque, poco cambia: siamo stati e continuiamo a essere vicini alla famiglia Grimaldi e a tutti i suoi dirigenti e lavoratori di Palermo, a cui esprimiamo la nostra massima solidarietà. E continueremo a schierarci sempre dalla stessa parte, vale a dire al fianco di chiunque segue e seguirà il percorso di legalità che è stato intrapreso in questi anni”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Solidarietà di Monti (Adsp) al dirigente di Grimaldi Lines: “Fatto gravissimo e inquietante”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin