Incendio nell'isola ecologica di San Giuseppe Jato: esplose quattro bombole :ilSicilia.it
Palermo

a pochi giorni dall'interdittiva antimafia

Incendio nell’isola ecologica di San Giuseppe Jato: esplose quattro bombole| FOTO

di
23 Agosto 2019

Un incendio è divampato a San Giuseppe Jato nell’isola ecologica in contrada Traversa. Il rogo è divampato nelle prime ore del pomeriggio. Le fiamme hanno avvolto quattro bombole di gas che sono esplose.
Sono intervenute diverse squadre dei vigili del fuoco che stanno lavorando per spegnere le fiamme. Non ci sarebbero feriti. Una colonna di fumo alta è visibile anche dal paese. Le indagini sono condotte dai carabinieri.

Nei giorni scorsi era stata notificata l’interdittiva antimafia per la ditta che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti a San Cipirello e San Giuseppe Jato. Nei giorni scorsi il prefetto di Palermo ha emanato il provvedimento che impedisce la prosecuzione di rapporti della ditta sancipirellese “F. Mirto” con la Pubblica amministrazione.

Di qui le revoca dell’affidamento del servizio nei due Comuni limitrofi, che da oggi sono corsi ai ripari per garantire la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti.

Siamo stati informati dai Commissari straordinari di San Cipirello del provvedimento prefettizio – spiega il sindaco di San Giuseppe Jato, Rosario Agostaro al Giornale di Sicilia  – e abbiamo provveduto alla revoca. Da oggi, sia da noi che a San Cipirello, la raccolta è sospesa fino all’individuazione di una nuova ditta”. E’ infatti scattata l’emergenza nei due centri limitrofi, entrambi serviti dalla ditta locale “Fl Mirto”, che dall’1 agosto ha affittato il ramo d’azienda della ditta “F. Mirto”. Le due ditte quasi omonime farebbero però riferimento allo stesso “dominus”.

La raccolta differenziata dei rifiuti a San Cipirello e San Giuseppe Jato era ripartita proprio in queste ore. Gli operai della ditta sancipirellese “Costruzioni & ambiente” sono a lavoro da stamattina nei due centri limitrofi.

Due giorni fa il servizio era stato interrotto per effetto dell’interdittiva antimafia nei confronti delle ditte “F. Mirto” e “Fl Mirto”, che gestivano l’appalto. Nei giorni scorsi il prefetto di Palermo ha, infatti, emanato il provvedimento che impedisce la prosecuzione di rapporti delle due ditte Mirto con la Pubblica amministrazione. Le imprese, riconducibili allo stesso “dominus” sarebbero, a detta della Prefettura, a rischio di infiltrazione mafiosa. Di qui le revoca dell’affidamento del servizio nei due Comuni della valle dello Jato, che sono corsi ai ripari.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin