Incendio nell'isola ecologica di San Giuseppe Jato: esplose quattro bombole :ilSicilia.it
Palermo

a pochi giorni dall'interdittiva antimafia

Incendio nell’isola ecologica di San Giuseppe Jato: esplose quattro bombole| FOTO

23 Agosto 2019

Un incendio è divampato a San Giuseppe Jato nell’isola ecologica in contrada Traversa. Il rogo è divampato nelle prime ore del pomeriggio. Le fiamme hanno avvolto quattro bombole di gas che sono esplose.
Sono intervenute diverse squadre dei vigili del fuoco che stanno lavorando per spegnere le fiamme. Non ci sarebbero feriti. Una colonna di fumo alta è visibile anche dal paese. Le indagini sono condotte dai carabinieri.

Nei giorni scorsi era stata notificata l’interdittiva antimafia per la ditta che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti a San Cipirello e San Giuseppe Jato. Nei giorni scorsi il prefetto di Palermo ha emanato il provvedimento che impedisce la prosecuzione di rapporti della ditta sancipirellese “F. Mirto” con la Pubblica amministrazione.

Di qui le revoca dell’affidamento del servizio nei due Comuni limitrofi, che da oggi sono corsi ai ripari per garantire la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti.

Siamo stati informati dai Commissari straordinari di San Cipirello del provvedimento prefettizio – spiega il sindaco di San Giuseppe Jato, Rosario Agostaro al Giornale di Sicilia  – e abbiamo provveduto alla revoca. Da oggi, sia da noi che a San Cipirello, la raccolta è sospesa fino all’individuazione di una nuova ditta”. E’ infatti scattata l’emergenza nei due centri limitrofi, entrambi serviti dalla ditta locale “Fl Mirto”, che dall’1 agosto ha affittato il ramo d’azienda della ditta “F. Mirto”. Le due ditte quasi omonime farebbero però riferimento allo stesso “dominus”.

La raccolta differenziata dei rifiuti a San Cipirello e San Giuseppe Jato era ripartita proprio in queste ore. Gli operai della ditta sancipirellese “Costruzioni & ambiente” sono a lavoro da stamattina nei due centri limitrofi.

Due giorni fa il servizio era stato interrotto per effetto dell’interdittiva antimafia nei confronti delle ditte “F. Mirto” e “Fl Mirto”, che gestivano l’appalto. Nei giorni scorsi il prefetto di Palermo ha, infatti, emanato il provvedimento che impedisce la prosecuzione di rapporti delle due ditte Mirto con la Pubblica amministrazione. Le imprese, riconducibili allo stesso “dominus” sarebbero, a detta della Prefettura, a rischio di infiltrazione mafiosa. Di qui le revoca dell’affidamento del servizio nei due Comuni della valle dello Jato, che sono corsi ai ripari.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.