Incendio nell'isola ecologica di San Giuseppe Jato: esplose quattro bombole :ilSicilia.it
Palermo

a pochi giorni dall'interdittiva antimafia

Incendio nell’isola ecologica di San Giuseppe Jato: esplose quattro bombole| FOTO

di
23 Agosto 2019

Un incendio è divampato a San Giuseppe Jato nell’isola ecologica in contrada Traversa. Il rogo è divampato nelle prime ore del pomeriggio. Le fiamme hanno avvolto quattro bombole di gas che sono esplose.
Sono intervenute diverse squadre dei vigili del fuoco che stanno lavorando per spegnere le fiamme. Non ci sarebbero feriti. Una colonna di fumo alta è visibile anche dal paese. Le indagini sono condotte dai carabinieri.

Nei giorni scorsi era stata notificata l’interdittiva antimafia per la ditta che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti a San Cipirello e San Giuseppe Jato. Nei giorni scorsi il prefetto di Palermo ha emanato il provvedimento che impedisce la prosecuzione di rapporti della ditta sancipirellese “F. Mirto” con la Pubblica amministrazione.

Di qui le revoca dell’affidamento del servizio nei due Comuni limitrofi, che da oggi sono corsi ai ripari per garantire la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti.

Siamo stati informati dai Commissari straordinari di San Cipirello del provvedimento prefettizio – spiega il sindaco di San Giuseppe Jato, Rosario Agostaro al Giornale di Sicilia  – e abbiamo provveduto alla revoca. Da oggi, sia da noi che a San Cipirello, la raccolta è sospesa fino all’individuazione di una nuova ditta”. E’ infatti scattata l’emergenza nei due centri limitrofi, entrambi serviti dalla ditta locale “Fl Mirto”, che dall’1 agosto ha affittato il ramo d’azienda della ditta “F. Mirto”. Le due ditte quasi omonime farebbero però riferimento allo stesso “dominus”.

La raccolta differenziata dei rifiuti a San Cipirello e San Giuseppe Jato era ripartita proprio in queste ore. Gli operai della ditta sancipirellese “Costruzioni & ambiente” sono a lavoro da stamattina nei due centri limitrofi.

Due giorni fa il servizio era stato interrotto per effetto dell’interdittiva antimafia nei confronti delle ditte “F. Mirto” e “Fl Mirto”, che gestivano l’appalto. Nei giorni scorsi il prefetto di Palermo ha, infatti, emanato il provvedimento che impedisce la prosecuzione di rapporti delle due ditte Mirto con la Pubblica amministrazione. Le imprese, riconducibili allo stesso “dominus” sarebbero, a detta della Prefettura, a rischio di infiltrazione mafiosa. Di qui le revoca dell’affidamento del servizio nei due Comuni della valle dello Jato, che sono corsi ai ripari.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.