Incendio su Monte Pellegrino, Palermo calcio condanna gesto :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Incendio su Monte Pellegrino, Palermo calcio condanna gesto

di
24 Maggio 2021

Il Palermo calcio condanna con decisione l’eventuale grave danno che alcuni tifosi rosanero potrebbero aver causato con fumogeni e fuochi d’artificio, durante la partita Palermo-Avellino di ieri“. Così la società con una nota, stigmatizza il gesto di alcuni tifosi rosanero che ieri dalla vetta di Monte Pellegrino hanno acceso fumogeni nella zona dei ripetitori televisivi con l’intenzione di incitare la squadra, ma finendo per causare l’incendio che da ieri brucia parte del promontorio.

Il rispetto per le persone e per gli spazi pubblici – continua il club – e l’attenzione all’osservanza di tutte le regole del vivere comune ha e deve avere sempre la priorità su qualsiasi iniziativa, pur animata dai migliori entusiasmi. Il pensiero di tutta la società rosanero va agli operatori di soccorso che stanno portando avanti tutte le misure necessarie per contenere i danni dell’incendio“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin