Inchiesta corruzione al Comune di Palermo: Terrani rassegna le dimissioni :ilSicilia.it

dopo l'operazione Giano bifronte

Inchiesta corruzione al Comune di Palermo: Terrani rassegna le dimissioni

di
26 Maggio 2020

Sandro Terrani lascia Palazzo delle Aquile. Il consigliere comunale eletto in quota Mov139 nel giugno 2017 e poi transitato in Italia Viva ha inviato una lettera al presidente del Consiglio Totò Orlando per ufficializzare le proprie dimissioni e abbandonare, almeno per il momento, la vita politica dopo l’indagine che lo ha travolto a fine febbraio scorso.

Lui e il consigliere Giovanni Lo Cascio, così come i funzionari del Comune Mario Li Castri e Giuseppe Monteleone, sono stati arrestati nell’ambito dell’inchiesta Giano Bifronte, grazie alla quale guardia di finanza e carabinieri avrebbero scoperchiato un caso di corruzione in relazione ad alcuni progetti di edilizia residenziale convenzionata.

I due consiglieri comunali erano stati in un primo momento sospesi dalla Prefettura perché sottoposti ad indagini. A pochi giorni dagli arresti Lo Cascio, presidente della commissione consiliare Urbanistica, aveva abbandonato lo scranno a Sala delle Lapidi. Al posto di Terrani, in attesa delle eventuali dimissioni, era arrivata Claudia Rini, poi entrata a far parte del gruppo Avanti Insieme con Valentina Chinnici, Toni Sala, Paolo Caracausi, Massimo Giaconia e lo stesso presidente del Consiglio comunale. L’altro consigliere subentrato è stato Milena Gentile che alle amministrative aveva collezionato 1.103 voti nella lista “Democratici e Popolari“.

A distanza di mesi Terrani, sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari anche dopo la bocciatura del Riesame, ha rassegnato le dimissioni “come previsto – scrive nella lettera indirizzata a Totò Orlando – dall’articolo 38 comma 8 del decreto legislativo 267/2000“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.