Inchiesta Giano Bifronte: "Revocata la sospensione, Li Castri può tornare a esercitare" :ilSicilia.it
Palermo

la decisione del consiglio di disciplina dell'ordine degli architetti

Inchiesta Giano Bifronte: “Revocata la sospensione, Li Castri può tornare a esercitare”

di
15 Dicembre 2020

Mario Li Castri, finito al centro dell’inchiesta “Giano Bifronte” che ha portato a numerosi arresti per corruzione al Comune di Palermo, dopo la revoca dei domiciliari è tornato uomo libero. Era uno degli “arrestati eccellenti” del terremoto che scosse il Comune, il presunto artefice delle mosse della cosiddetta “cricca” nel campo delle speculazioni edilizie.

E adesso, a fronte della revoca degli arresti domiciliari, può tornare a esercitare da Architetto. Lo ha stabilito il Consiglo di disciplina dell’Ordine degli Architetti della provincia di Palermo.

Era stato sospeso dall’esercizio professionale lo scorso 6 marzo 2020, dopo la comunicazione della Procura di Palermo che confermava che lo stesso risultava “destinatario di misure cautelari degli arresti domiciliari”. Pochi giorni fa, il 9 dicembre, Li Castri ha scritto una PEC all’Ordine.

“Alla luce della revoca degli arresti domiciliari – si legge nella nota firmata oggi dal Consiglio di disciplina – viene annullata con effetto immediato la sospensione comminata, e l’annullamento dell’atto da cui discendeva la sospensione, senza annotazione nell’Albo”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Inchiesta sulla “cricca” a Palermo: Li Castri lascia i domiciliari e torna libero

Corruzione al Comune di Palermo, Orlando: “Certo della correttezza di Arcuri. Li Castri? Nessun rapporto personale”| VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.