Inchiesta "Pandora", mafia e colletti bianchi: ecco i nomi degli insospettabili a San Cataldo :ilSicilia.it
Caltanissetta

il sodalizio mafioso

Inchiesta “Pandora”, mafia e colletti bianchi: ecco i nomi degli insospettabili a San Cataldo

di
9 Luglio 2018

CALTANISSETTA – E’ indagato per concorso esterno all’associazione mafiosa il carabiniere Domenico Terenzio, della Tenenza di San Cataldo, arrestato da suo colleghi nell’ambito dell’inchiesta ‘Pandora’ della Procura di Caltanissetta. A svelare la sua ‘collaborazione’ con il presunto ‘comitato d’affari’ intercettazioni eseguite da personale dell’Arma di Caltanissetta dalle quali emergeva che il loro collega “informava esponenti di vertice del sodalizio mafioso o, in caso di detenzione, i loro congiunti, su attività di indagine un corso e di altri procedimenti”.

Nei suoi confronti gli accertamenti eseguiti hanno permesso di cristallizzare nei confronti del carabiniere indagato oltre alla rilevazione di segreti d’ufficio e di falso anche la più grave imputazione di concorso esterno in associazione mafiosa. Reati per i quali la Dda della Procura di Caltanissetta ha chiesto ed ottenuto dal Gip l’emissione della misura cautelare della custodia in carcere.

Ci sono anche un carabiniere, due dipendenti e un ex dirigente del Comune di San Cataldo, un imprenditore e due liberi professionisti tra i destinatari dell’ordinanza del Gip di Caltanissetta, eseguita da guardia di finanza e carabinieri, su un presunto ‘comitato d’affari‘ che, secondo l’accusa, ha condizionato illecitamente gli appalti di rifiuti ed edilizia dell’Ente locale.

Il militare dell’Arma è Domenico Terenzio, in servizio nella locale Tenenza, che è stato arrestato. Posti ai domiciliari l’imprenditore Liborio Lipari, della “Ecolgest“, e Paolo Iannello ex dirigente dell’ufficio tecnico. Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per Cataldo Medico e Salvatore Schifano, dipendenti del Comune, e per l’ingegnere Davide Francesco Iannello e l’architetto Alfonso Gaetano Ippolito. L’inchiesta ‘Pandora‘ è partita da indagini sulla concessione dell’appalto dei rifiuti dalle quali, secondo la Procura distrettuale di Caltanissetta “emergevano gravi forme di infiltrazione mafiosa al Comune di San Cataldo”.

L’indagine ‘Pandora‘, di Gdf e Cc, coordinata dalla Dda della Procura di Caltanissetta, ha avuto inizio nel 2016 ed ha monitorato gli assetti della ‘famiglia’ mafiosa di San Cataldo. Secondo l’accusa, in particolare, il sodalizio mafioso aveva imposto alla cooperativa “Geo Agriturismo” di San Cataldo che – in Ati con la società “Ecolgest” – si occupava del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani, la continua assunzione di soggetti organici alla famiglia mafiosa o contigui alla stessa i quali, peraltro, spesso percepivano lo stipendio senza lavorare.

Ai vertici della famiglia, secondo la ricostruzione della Dda di Caltanissetta ci sarebbero Calogero Maurizio Di Vita, già detenuto, e Gioacchino Chitè, Massimo Scalzo, Raimondo Scalzo e Luigi Vivacqua, che sono stati arrestati. Dalle intercettazioni è emerso che “Paolo Iannello, ex capo dell’Ufficio Tecnico Comunale di San Cataldo, col figlio Davide Francesco, avevano raggiunto accordi corruttivi con Liborio Li Pari, amministratore della Ecolgest, per turbare la regolarità della gara per consentirne l’aggiudicazione, effettivamente avvenuta, alla Multiecoplast di Messina, capofila di Ati con la Ecolgest”.

Su questo filone si sono innestate indagini della guardia di finanza di Caltanissetta, scaturente dall’operazione “Perla nera bis” – che nel mese di ottobre 2017 aveva già portato all’arresto del dipendente pubblico Daniele Silvio Baglio e dell’imprenditore Salvatore Ficarra – giungendosi così, scrive la Procura di Caltanissetta, “a ricostruire l’esistenza in San Cataldo di un ‘comitato d’affari’in grado di condizionare pesantemente le più rilevanti gare d’appalto”.

Contestualmente all’esecuzione dell’ordinanza del Gip, personale della Compagnia carabinieri di San Cataldo e del Nucleo di Polizia Economico – Finanziaria della Guardia di Finanza di Caltanissetta sta effettuando perquisizioni domiciliari e l’acquisizione di documentazione in pubblici uffici, su apposita delega dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura Nissena.

 

LEGGI ANCHE:

Un comitato con mafiosi, funzionari pubblici e imprenditori nel Nisseno per gestire rifiuti e appalti, coinvolti in 16

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin