Incidente aereo, i pm italiani e la compagnia aerea vogliono vederci chiaro :ilSicilia.it

Al momento senza indagati o ipotesi reato

Incidente aereo, i pm italiani e la compagnia aerea vogliono vederci chiaro

di
11 Marzo 2019

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine in relazione alla morte di otto italiani nel disastro aereo del boeing 737 della Ethiopian Airlines. Il procedimento, coordinato dal procuratore Giuseppe Pignatone, è al momento senza indagati e ipotesi di reato.

Nello schianto, poco dopo il decollo da Addis Abeba, hanno perso la vita l’archeologo siciliano Sebastiano Tusa, il presidente dell’Ong Link 2007, Paolo Dieci, alcuni appartenenti a una onlus di Bergamo e due ragazze impegnate nel programma alimentare mondiale dell’Onu.

Intanto, la compagnia aerea rende noto tramite un bollettino su Facebook che «l’Ethiopian sta collaborato con tutte le parti interessate per condurre indagini forensi e identificare le identità delle vittime. Un comitato composto da Ethiopian Airlines, l’Ethiopian Civil Aviation Authority e l’Ethiopian Transport Authority è stato istituito per svolgere le indagini. Una volta identificate le identità delle vittime, i loro corpi saranno consegnati alle loro famiglie e ai loro cari.

Ethiopian Airlines ha già contattato le famiglie delle vittime per informarle del tragico incidente. Verranno condotte indagini per determinare le cause dell’incidente, in collaborazione con tutte le parti interessate incluso il costruttore di aeromobili Boeing, l’Ethiopian Civil Aviation Authority e altre entità internazionali».

 

 

LEGGI ANCHE:

Tragico incidente: aereo diretto in Kenya si schianta, morto l’assessore Tusa

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin