Incidente nel Ragusano: travolta da un'auto muore giovane donna :ilSicilia.it
Ragusa

lascia un bambino di pochi mesi

Incidente nel Ragusano: travolta da un’auto muore giovane donna

di
15 Luglio 2019

Una cameriera di 25 anni, Martina Aprile, che aveva terminato il suo turno di lavoro in un ristorante di Cava d’Aliga, frazione marinara di Scicli nel Ragusano, mentre stava gettando la spazzatura nei cassonetti sulla strada provinciale per Sampieri, è stata travolta da una Y10.

La donna è morta sul colpo: lascia un bambino di pochi mesi. Il suo collega di lavoro che era uscito dal ristorante per aiutarla a riporre i sacchi di rifiuti nei cassonetti è rimasto ferito ed è ricoverato in ospedale.

Alla guida dell’auto c’era un giovane che è stato arrestato. L’uomo, C. F., cameriere sciclitano di 34 anni senza precedenti penali è risultato positivo alla cocaina e al metadone.

Era passata da una quarantina di minuti la mezzanotte quando il conducente dell’auto, una Lancia Y, ha travolto la giovane mentre a fine turno nel ristorante dove lavorava stava gettando la spazzatura.

Martina Aprile non è stata l’unica vittima nelle strade di Scicli nelle ultime ore. Questa mattina poco dopo le 8 un ragazzo di 16 anni di origini tunisine ha perso la vita in un incidente autonomo avvenuto in via Vitaliano Brancati. Il ragazzo viaggiava a bordo del suo ciclomotore quando per cause da accertare è finito contro un albero. Inutile l’intervento dei soccorsi; il ragazzo è morto sul colpo. Sul posto gli agenti della Polizia Municipale e i carabinieri della Compagnia di Modica.

 

LEGGI ANCHE:

Bambini investiti dal suv a Vittoria: morto anche il piccolo Simone

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.