Incidente stradale: morta una donna nel Trapanese :ilSicilia.it

coinvolti tre veicoli

Incidente stradale: morta una donna nel Trapanese

14 Giugno 2019

Un’anziana di 89 anni, Vita Gandolfo, ha perso la vita la sera del 13 giugno in un incidente stradale lungo la provinciale 51 per la località balneare di Tre Fontane, che ha coinvolto tre veicoli.

A scontrarsi, per cause in fase di accertamento, sono state una Bmw, una Multipla e una Musa. La vittima, originaria di Campobello di Mazara, era a bordo di una delle vetture. Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco, polizia municipale e carabinieri.

Il 14 giugno,  il 39 enne conducente della Bmw si è presentato nella caserma dei carabinieri con i suoi legali. L’uomo ha fornito la sua versione dei fatti ai militari dell’Arma che sulla base della ricostruzione della dinamica e delle testimonianze raccolte stanno cercando di accertare le responsabilità in merito all’accaduto.

Tutte le persone coinvolte nell’incidente stradale, nel quale altre due donne hanno riportato politraumi, come da prassi sono state sottoposte all’alcool e al drug test.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.