Incidente stradale nel Catanese, morti quattro giovani :ilSicilia.it
Catania

Il conducente avrebbe perso il controllo del mezzo

Incidente stradale nel Catanese, morti quattro giovani

13 Ottobre 2019

Notte di sangue lungo la strada statale 121 che collega il capoluogo etneo a Paternó. Quattro giovani, Lucrezia Diolosà Farinato, 28 anni, Salvatore Moschitta di 20, un ragazzo di 17 anni, M.P., e una di 15, E.G.B, sono morti dopo che l’auto su cui viaggiavano si è schiantata contro lo spartitraffico centrale, ferito, invece, il conducente del mezzo, una Seat Leon, che è stato ricoverato all’ospedale Cannizzaro.

L’incidente è avvenuto nella zona di Belpasso, all’altezza dello svincolo “Zona Industriale” di Piano Tavola. Da una prima ricostruzione, le quattro vittime avevano trascorso la serata in discoteca, quando intorno alle 5 del mattino è avvenuto lo schianto fatale, la cui causa potrebbe essere stata la perdita di controllo dell’auto da parte del 40 enne che guidava la Seat.

In seguito allo schianto i corpi dei giovani sono stati sbalzati fuori dall’abitacolo. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, i vigili del fuoco.

Omicidio stradale è il reato ipotizzato dalla Procura di Catania che dopo aver ricevuto la relazione della Compagnia di Paternó ha aperto un’inchiesta.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.