Incidenti stradali: da due giorni in coma, morto giovane di Siracusa :ilSicilia.it
Siracusa

SI TRATTA DI PAOLO MINAFO', 19 ANNI

Incidenti stradali: da due giorni in coma, morto giovane di Siracusa

29 Luglio 2019

Un giovane motociclista e’ deceduto la notte scorsa, dopo due giorni di coma, nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Garibaldi di Catania, a causa delle ferite riportate in un incidente avvenuto venerdì scorso a Siracusa.

La vittima e’ Paolo Munafò, di 19 anni. Il ragazzo in un primo momento era stato trasportato all’ospedale Umberto I di Siracusa e poi trasferito nel capoluogo etneo.

Il sindaco di Siracusa, Francesco Italia, appresa la notizia, ha espresso profondo cordoglio a nome personale, della città e dell’Amministrazione, ai genitori e ai familiari di Paolo Munafò, il giovane siracusano morto la scorsa notte all’Ospedale Garibaldi di Catania, dove era stato ricoverato a seguito di un incidente stradale verificatosi all’incrocio tra corso Gelone e via Ticino“.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.