Incidenti stradali, Istat: in Sicilia circa undicimila :ilSicilia.it

Il report dell'istituto

Incidenti stradali, Istat: in Sicilia circa undicimila

15 Novembre 2019

In Sicilia nel 2018 si sono verificati 11.019 incidenti stradali che hanno causato la morte di 210 persone e il ferimento di altre 16.418. E’ quanto emerge da un focus dell’Istat, secondo cui rispetto al 2017, diminuiscono in misura molto modesta gli incidenti (0,3%) e i feriti (0,2%), invece le vittime della strada sono due in più; in contrapposizione con la tendenza nazionale che presenta una diminuzione seppur moderata.

A Catania e provincia il maggior numero di morti (49) e feriti (4.166), seguono Palermo e provincia con 38 e 4.115. In Sicilia, nel 2018, l’incidenza degli utenti vulnerabili per età (bambini, giovani e anziani), deceduti in incidente stradale, è superiore alla media nazionale (51,4% contro 45,3%). Negli ultimi otto anni (2010-2018) l’incidenza di pedoni deceduti è aumentata in Sicilia passando da 16,8% a 20,5% in linea con la tendenza nazionale, che registra un aumento da 15,1% a 18,4%.

Nel 2018 il costo dell’incidentalità con danni alle persone è stimato in oltre 17 miliardi di euro per l’intero territorio nazionale (283,1 euro pro capite) e in 1,1 miliardi di euro (223,1 euro pro capite) in Sicilia; la regione incide per il 6,6% sul totale nazionale.

Tra il 2017 e il 2018 l’indice di lesività e’ rimasto pressochè stabile con 149 feriti ogni 100 incidenti; così pure sono rimasti stabili l’indice di mortalità, con 1,9 decessi ogni 100 incidenti, e l’indice di gravità (misurato dal rapporto tra il numero dei decessi e la somma di decessi e feriti moltiplicato 100) pari a 1,3.

L’incidentalità rimane alta lungo tutta la costa, in particolare trapanese, messinese, ragusana e il versante orientale e in tutti i comuni capoluogo di provincia.

La pericolosità è alta lungo l’autostrada A18 Messina-Catania, la SS 123 e SS 190 e la SS 626 che collega Caltanissetta a Gela.

Nel 2018 il maggior numero di incidenti (8.563, il 77,7% del totale) si e’ verificato sulle strade urbane, provocando 96 morti (45,7% del totale) e 12.230 feriti (74,5%).

Rispetto all’anno precedente i sinistri diminuiscono del 2,7% in ambito urbano e del 2,6% sulle autostrade, mentre aumentano del 14,4% sulle strade extraurbane. Gli incidenti più gravi avvengono sulle strade extraurbane (5,9 decessi ogni 100 incidenti) e sulle autostrade (1,7 ogni 100).

In ambito urbano gli incidenti che avvengono in corrispondenza degli incroci rappresentano il 35,2% del totale. Nel periodo primaverile ed estivo la concentrazione degli incidenti è più elevata.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.