15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31

l'ultimo nella notte

Incidenti sul lavoro, strage in Sicilia: tre morti in poche ore

10 Maggio 2019

Tre incidenti sul lavoro in poche ore tra Scili, Marsala e Porto Empedocle. L’ultimo in ordine di tempo la notte tra il 9 e il 10 maggio nel porto di Porto Empedocle.

La vittima è un operaio, di 65 anni che stava lavorando dentro lo stabilimento dell’Italkali dove si caricano le navi di salgemma. Sul posto le squadre dei vigili del fuoco di Agrigento hanno recuperato il corpo.

Ad indagare i carabinieri e il personale della Capitaneria di porto. Non si conoscono ancora le generalità dell’uomo nè la dinamica della morte. Ieri pomeriggio altro incidente in contrada Ciappola a Marsala.

Un 51enne è precipitato giù dal balcone mentre stava montando un’antenna a casa di un’amico. L’uomo era un tecnico specializzato nella riparazione delle antenne.

Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118 che non hanno potuto far altro che constatare il decesso. Sul posto anche la polizia di stato per effettuare i rilievi. Il corpo è stato trasportato nella camera mortuaria dell’ospedale di Marsala per effettuare un esame autoptico.

Sempre ieri è morto, al trauma center dell’ospedale Cannizzaro di Catania, Angelo Carbone, 21 anni, di Scicli. Il giovane ieri pomeriggio stava arando un terreno in contrada Balatelle, tra Scicli e Cava d’Aliga, nel Ragusano.

Secondo i primi accertamenti sembra che la gamba del ventunenne sia rimasta impigliata nella fresa e che il mezzo lo abbia travolto. Il giovane è rimasto schiacciato e per lui non c’è stato niente da fare.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.