Incubo coronavirus per 35 italiani: nave da crociera ancora bloccata :ilSicilia.it

A bordo ci sono 3.700 persone

Incubo coronavirus per 35 italiani: nave da crociera ancora bloccata

di
10 Febbraio 2020

Sarebbero 60 i nuovi casi di coronavirus rilevati sulla Diamond Princess, la nave da crociera ferma nella baia di Yokohama, in Giappone: i contagi, riporta la tv commerciale TBS citando fonti non meglio precisate, sarebbero cosi saliti a 130.

A bordo ci sono ancora quasi 3.700 persone, tra cui 35 italiani, di cui 25 membri dell’equipaggio, incluso il comandante Gennaro Arma.

Un vero incubo, in questa nave dalla quale le persone non possono scendere.

In tutto il Giappone i contagi sono oltre 150, e 130 provengono proprio dall’imbarcazione in stallo. Una situazione resa complicata dopo la scoperta di un passeggero, sbarcato a Hong Kong, risultato positivo al virus che causa la polmonite. Intanto il ministero della Sanità ha riferito che sta valutando di testare tutte lepersone all’interno dell’imbarcazione al termine della quarantena di due settimane, che dovrebbe terminare il 19 febbraio.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin