Incubo sulla A18: casello di Taormina out in entrambe le direzioni, esplode la protesta :ilSicilia.it
Messina

lunghe code nel primo polo turistico siciliano

Incubo sulla A18: casello di Taormina out in entrambe le direzioni, esplode la protesta

di
13 Novembre 2018

Risveglio da incubo per gli utenti dell’autostrada Messina-Catania.

Dopo il primo stop già in atto dal 15 ottobre scorso, adesso casello A18 di Spisone, a Taormina, chiuso in entrambe le direzioni ed esplode la protesta degli utenti per le lunghe code ora in atto in entrambe le direzioni di transito, sia per chi si muove da Taormina verso Giardini e Trappitello, sia quindi per chi da Trappitello e Giardini prova a raggiungere Taormina centro.

Dalla chiusura parziale allo stop complessivo, aumentano i disagi e sale il termometro della rabbia.

Italo Mennella
Italo Mennella

“È assurdo che la gente debba andare a finire addirittura a Roccalumera o altrimenti doversi immettere nelle code infernali della strada statale – afferma il presidente dell’Associazione Albergatori Taormina, Italo Mennella -. Queste cose non avvengono nemmeno nei Paesi del Terzo Mondo, non si danno nemmeno le dovute e adeguate comunicazioni e segnalazioni di quanto sta accadendo. C’è una mancanza di rispetto assoluta e del tutto inaccettabile verso l’utenza. Ma che modo di fare è questo? Stiamo assistendo ad un qualcosa che non può essere definito diversamente che con una parola: vergogna. Altrettanto evidente è che il Comune di Taormina doveva opporsi con convinzione, in modo determinato, a questa chiusura del casello A18 disposta già nel periodo di ottobre-novembre. I lavori potevano essere fatti benissimo anche a partire da gennaio, dopo l’Epifania. Non sarebbe stata la fine del mondo. Ancora una volta sono gli altri che decidono per noi e per questo territorio, e questo non va bene e non può essere consentito”. 

“Nelle riunioni tenutesi in Prefettura – continua Mennella – il Comune di Taormina poteva e doveva farsi valere e imporre la propria linea che è quella della principale meta turistica siciliana, ed è quella più in generale di Comune di riferimento di tutto il primo polo turistico dell’isola. Le opere in atto vanno certamente eseguite ed è un bene che vengano fatte, tanto più se vi è un problema di infiltrazioni idriche ed anche dovendo evidenziare che stiamo vedendo una pulitura del verde che non si vedeva da decenni. Ma, in qualsiasi caso, bisognava posticipare di due mesi l’avvio del cantiere, e invece adesso stiamo assistendo ad un caos inaccettabile. E soprattutto per chi si muove da Trappitello non c’è stata un’adeguata comunicazione di questi ulteriori lavori. Eppure Trappitello, sino a prova contraria, è Comune di Taormina e i cittadini di Trappitello pagano le tasse esattamente come tutti gli altri residenti di questa città”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin