11 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.41

L'iniziativa dell'Ance

Incuria e abbandono: anche a Palermo la mobilitazione dei nastri gialli | Video servizio

26 Giugno 2019

 

Guarda in alto il video servizio

È il momento di dire basta all’incuria e all’abbandono in cui versano infrastrutture, scuole. edifici e spazi verdi a Palermo e provincia. È il momento di reagire a una burocrazia asfissiante che blocca tutto e peggiora le condizioni di vita dei cittadini.

Stadio di baseball
Stadio di baseball

Con questa intento prende il via anche a Palermo l’iniziativa dei nastri gialli #bloccadegrado, promossa dall’Ance su tutto il territorio nazionale insieme a tutti coloro che vogliono reagire all’incuria e all’abbandono.

Si tratta di una grande mobilitazione civile che punta a coinvolgere direttamente i cittadini attraverso comitati civici, associazioni, volontariato – spiega il presidente dll’Ance, Fabio Sanfratelloche potranno segnalare e condividere facilmente, in prima persona, le situazioni di disagio e difficoltà che vivono ogni giorno“.

La campagna è stata presentata davanti ad un edificio scelto simbolicamente da Ance Palermo come segno di incuria e abbandono, l’ex Ospizio di beneficenza Principe di Palagonia Conte di Ventimiglia, un’area di 9 mila metri quadrati in pieno centro città, tra le vie Paternostro, Garzilli, Dante e Principe di Palagonia. L’edificio fatiscente e pericolante in alcune sue parti è abbandonato da anni nonostante, nel tempo, vi siano state varie manifestazioni di interesse per una sua riqualificazione.

asilo nido Pallavicino
asilo nido Pallavicino

Ma l’ex Ospizio di beneficenza è solo uno dei numerosi esempi di degrado, abbandono e mala burocrazia in città “Abbiamo già messo i nastri gialli allo stadio di baseball, alla strada di accesso a Monte Pellegrino, al ferro di cavallo a Mondello, alle scuole abbandonate di Valdesi e Pallavicino, in via Castelforte, all’ex stabilimento della Coca Cola, a vicolo Bernava – conclude Sanfratello – adesso chiediamo ai cittadini di unirsi a questa mobilitazione e di segnalarci altri casi di incuria e degrado che sono diventati asfissianti per la nostra vita ed economia“.

Grazie agli strumenti della mobilitazione, nastri, volantini e cartelli che sono disponibili nelle sedi Ance Palermo, Foro Umberto I, 21, e che andranno apposti sui luoghi che si intende segnalare, sarà possibile scattare foto e condividerle sui social con l’hashtag #bloccadegrado e segnalarle al sito ww.bloccadegrado.it.

Guarda foto in basso

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.