Incuria e abbandono: anche a Palermo la mobilitazione dei nastri gialli | Video servizio :ilSicilia.it

L'iniziativa dell'Ance

Incuria e abbandono: anche a Palermo la mobilitazione dei nastri gialli | Video servizio

di
26 Giugno 2019

 

Guarda in alto il video servizio

È il momento di dire basta all’incuria e all’abbandono in cui versano infrastrutture, scuole. edifici e spazi verdi a Palermo e provincia. È il momento di reagire a una burocrazia asfissiante che blocca tutto e peggiora le condizioni di vita dei cittadini.

Stadio di baseball
Stadio di baseball

Con questa intento prende il via anche a Palermo l’iniziativa dei nastri gialli #bloccadegrado, promossa dall’Ance su tutto il territorio nazionale insieme a tutti coloro che vogliono reagire all’incuria e all’abbandono.

Si tratta di una grande mobilitazione civile che punta a coinvolgere direttamente i cittadini attraverso comitati civici, associazioni, volontariato – spiega il presidente dll’Ance, Fabio Sanfratelloche potranno segnalare e condividere facilmente, in prima persona, le situazioni di disagio e difficoltà che vivono ogni giorno“.

La campagna è stata presentata davanti ad un edificio scelto simbolicamente da Ance Palermo come segno di incuria e abbandono, l’ex Ospizio di beneficenza Principe di Palagonia Conte di Ventimiglia, un’area di 9 mila metri quadrati in pieno centro città, tra le vie Paternostro, Garzilli, Dante e Principe di Palagonia. L’edificio fatiscente e pericolante in alcune sue parti è abbandonato da anni nonostante, nel tempo, vi siano state varie manifestazioni di interesse per una sua riqualificazione.

asilo nido Pallavicino
asilo nido Pallavicino

Ma l’ex Ospizio di beneficenza è solo uno dei numerosi esempi di degrado, abbandono e mala burocrazia in città “Abbiamo già messo i nastri gialli allo stadio di baseball, alla strada di accesso a Monte Pellegrino, al ferro di cavallo a Mondello, alle scuole abbandonate di Valdesi e Pallavicino, in via Castelforte, all’ex stabilimento della Coca Cola, a vicolo Bernava – conclude Sanfratello – adesso chiediamo ai cittadini di unirsi a questa mobilitazione e di segnalarci altri casi di incuria e degrado che sono diventati asfissianti per la nostra vita ed economia“.

Grazie agli strumenti della mobilitazione, nastri, volantini e cartelli che sono disponibili nelle sedi Ance Palermo, Foro Umberto I, 21, e che andranno apposti sui luoghi che si intende segnalare, sarà possibile scattare foto e condividerle sui social con l’hashtag #bloccadegrado e segnalarle al sito ww.bloccadegrado.it.

Guarda foto in basso

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco