Incuria e abbandono: anche a Palermo la mobilitazione dei nastri gialli | Video servizio :ilSicilia.it

L'iniziativa dell'Ance

Incuria e abbandono: anche a Palermo la mobilitazione dei nastri gialli | Video servizio

di
26 Giugno 2019

 

Guarda in alto il video servizio

È il momento di dire basta all’incuria e all’abbandono in cui versano infrastrutture, scuole. edifici e spazi verdi a Palermo e provincia. È il momento di reagire a una burocrazia asfissiante che blocca tutto e peggiora le condizioni di vita dei cittadini.

Stadio di baseball
Stadio di baseball

Con questa intento prende il via anche a Palermo l’iniziativa dei nastri gialli #bloccadegrado, promossa dall’Ance su tutto il territorio nazionale insieme a tutti coloro che vogliono reagire all’incuria e all’abbandono.

Si tratta di una grande mobilitazione civile che punta a coinvolgere direttamente i cittadini attraverso comitati civici, associazioni, volontariato – spiega il presidente dll’Ance, Fabio Sanfratelloche potranno segnalare e condividere facilmente, in prima persona, le situazioni di disagio e difficoltà che vivono ogni giorno“.

La campagna è stata presentata davanti ad un edificio scelto simbolicamente da Ance Palermo come segno di incuria e abbandono, l’ex Ospizio di beneficenza Principe di Palagonia Conte di Ventimiglia, un’area di 9 mila metri quadrati in pieno centro città, tra le vie Paternostro, Garzilli, Dante e Principe di Palagonia. L’edificio fatiscente e pericolante in alcune sue parti è abbandonato da anni nonostante, nel tempo, vi siano state varie manifestazioni di interesse per una sua riqualificazione.

asilo nido Pallavicino
asilo nido Pallavicino

Ma l’ex Ospizio di beneficenza è solo uno dei numerosi esempi di degrado, abbandono e mala burocrazia in città “Abbiamo già messo i nastri gialli allo stadio di baseball, alla strada di accesso a Monte Pellegrino, al ferro di cavallo a Mondello, alle scuole abbandonate di Valdesi e Pallavicino, in via Castelforte, all’ex stabilimento della Coca Cola, a vicolo Bernava – conclude Sanfratello – adesso chiediamo ai cittadini di unirsi a questa mobilitazione e di segnalarci altri casi di incuria e degrado che sono diventati asfissianti per la nostra vita ed economia“.

Grazie agli strumenti della mobilitazione, nastri, volantini e cartelli che sono disponibili nelle sedi Ance Palermo, Foro Umberto I, 21, e che andranno apposti sui luoghi che si intende segnalare, sarà possibile scattare foto e condividerle sui social con l’hashtag #bloccadegrado e segnalarle al sito ww.bloccadegrado.it.

Guarda foto in basso

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.