23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.38

Le parole del legale del deputato regionale

Indagini & politica, la controffensiva di Savona: “Estraneo alle accuse”

15 Marzo 2019

Riccardo Savona è assolutamente estraneo alla vicenda“. L’avvocato Giuseppe Di Stefano difende il suo assistito Riccardo Savona e parla dell’indagine sulla presunta truffa all’Unione europea che vede sotto inchiesta il deputato regionale di Forza Italia e presidente della commissione Bilancio dell’Ars.

Alcune di queste associazioni condividono i locali dove si trova la segreteria politica di Savona – spiega il legale – ma lui non è mai stato presidente di nessuna di queste associazioni, se è stato commesso un reato ne risponderanno i rappresentanti legali: lui è completamente estraneo“.

Intanto non si sono fatte attendere le reazioni da Palazzo dei Normanni, con il capogruppo del Movimento 5 Stelle a Sala d’Ercole Francesco Cappello che esorta Savona alle dimissioni: “Il presidente della Commissione Bilancio Riccardo Savona – afferma il pentastellato – deve lasciare la carica. La sua presenza al vertice della Commissione più importante dell’Assemblea Regionale Siciliana è assolutamente inopportuna. Dato che Micciché fa le crociate per difendere l’onorabilità di questo Parlamento – conclude –, chieda immediatamente a Savona di onorare l’Ars lasciando questa carica“.

LEGGI ANCHE:

Truffa ai danni dell’Ue, tra gli indagati il deputato regionale Savona

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.