Indonesia: morti più di 500 bambini per Covid nell'ultimo mese: "È il tasso più alto al mondo" :ilSicilia.it

il nuovo epicentro

Indonesia: morti più di 500 bambini per Covid nell’ultimo mese: “È il tasso più alto al mondo”

di
26 Luglio 2021

Non si arresta la morsa del Covid in tutto il mondo, aggravato dall’accelerazione della variante Delta. Preoccupa maggiormente la situazione in Indonesia dove, in quest’ultimo mese, sono morti più di 500 bambini per il Covid, sono circa 100 a settimana. Lo riporta il New York Times, aggiungendo che è il tasso più alto mai registrato al mondo. Molte delle vittime non avevano più di 5 anni, sfidando la teoria che i bambini sono i meno colpiti dalla pandemia.

Le morti sono coincise con la gravissima ondata di infezioni del Paese dovuta anche alla variante Delta. “I nostri numeri sono i più alti al mondo“, ha commentato il presidente dell’Associazione dei pediatri indonesiani, il dottor Aman Bhakti Pulungan. Secondo l’associazione, i bambini rappresentano il 12,5% dei casi nel Paese, ormai considerato l’epicentro della pandemia, dopo aver battuto India e Brasile per numero di casi al giorno.

Dall’inizio della pandemia ad ora in Indonesia sono morti oltre 800 ragazzi sotto i 18 anni, gran parte dei quali concentrati nell’ultimo mese.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin