"Industria Acqua Siracusa", Maria Grazia Brandara si dimette travolta dalle polemiche :ilSicilia.it

a causa della bufera giudiziaria

“Industria Acqua Siracusa”, Maria Grazia Brandara si dimette travolta dalle polemiche

di
12 Gennaio 2020

Maria Grazia Brandara, travolta dalle polemiche per il caso Montante, lascia la presidenza di “Industria Acqua Siracusa”, la società controllata al 65,5 per cento dalla Regione nel consorzio Asi di Siracusa.

Brandara, nei giorni scorsi, era stata attaccata in  conferenza stampa dal presidente della commissione Antimafia regionale Claudio Fava: “La permanenza di Maria Grazia Brandara alla presidenza della società – aveva detto – è un fatto politicamente inaccettabile, visto il suo pesante coinvolgimento nell’indagine sul ‘sistema Montante’, l’inchiesta che la vede imputata di associazione a delinquere assieme all’ex presidente di Confindustria Sicilia, e il suo recente rinvio a giudizio a Barcellona Pozzo di Gotto per reati ambientali“.

La Brandara ha risposto: “Mi sono dimessa per rispetto a me stessa e alle istituzioni“.
Fava aveva chiesto con una interpellanza agli assessori all’Economia e all’Energia, Gaetano Armao e Alberto Pierobon, di adoperarsi con il Cda dell’Ias perché venisse revocata la nomina. “In questi anni è emerso in modo evidente che Brandara è stata il braccio operativo di Montante in un settore delicatissimo come quello della depurazione delle acque – aveva detto Fava –, fatto ancora più inquietante proprio alla luce del recente rinvio a giudizio di Barcellona Pozzo di Gotto“.

L’interesse di Montante in questo settore risulta acquisito nella sentenza di condanna emessa dal gip di Caltanissetta che dedica un ampio approfondimento alla vicenda con un titolo emblematico: ‘L’ingerenza di Montante nell’Ias Spa’.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.