Influencer prova il giro del mondo in moto, rubato il mezzo a Catania :ilSicilia.it
Catania

LA VICENDA RIGUARDA IL MESSICANO BERNARDO LOGAR

Influencer prova il giro del mondo in moto, rubato il mezzo a Catania

di
18 Novembre 2019

E’ stato rubato a Catania il Ktm 690 enduro R di colore verde con cui l’influencer messicano Bernardo Logar sta effettuando il giro del mondo in moto.

Il messicano stava raccontando la sua impresa nei suoi canali social, attraverso foto e video pubblicati giornalmente. Tuttavia, ha dovuto fermare la sua impresa, a causa del fattaccio avvenuto nel capoluogo etneo.

Nei suoi confronti è scattata una gara di solidarietà sui social network e siti con appelli per la ricerca del mezzo rubato, associati ad inviti alla restituzione della moto.

A rendere noto l’accaduto e a chiedere aiuto è stato lo stesso Logar, che ieri mattina sul suo profilo di Facebook ha scritto: “Mi hanno rubato ‘Rebecca’, la mia Ktm 690 enduro R, sono a Catania, se c’è qualcuno in Italia che mi può aiutare gli sono grato“.

IL POST

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.