Influencer prova il giro del mondo in moto, rubato il mezzo a Catania :ilSicilia.it
Catania

LA VICENDA RIGUARDA IL MESSICANO BERNARDO LOGAR

Influencer prova il giro del mondo in moto, rubato il mezzo a Catania

18 Novembre 2019

E’ stato rubato a Catania il Ktm 690 enduro R di colore verde con cui l’influencer messicano Bernardo Logar sta effettuando il giro del mondo in moto.

Il messicano stava raccontando la sua impresa nei suoi canali social, attraverso foto e video pubblicati giornalmente. Tuttavia, ha dovuto fermare la sua impresa, a causa del fattaccio avvenuto nel capoluogo etneo.

Nei suoi confronti è scattata una gara di solidarietà sui social network e siti con appelli per la ricerca del mezzo rubato, associati ad inviti alla restituzione della moto.

A rendere noto l’accaduto e a chiedere aiuto è stato lo stesso Logar, che ieri mattina sul suo profilo di Facebook ha scritto: “Mi hanno rubato ‘Rebecca’, la mia Ktm 690 enduro R, sono a Catania, se c’è qualcuno in Italia che mi può aiutare gli sono grato“.

IL POST

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.