Informazione online, la nuova era digitale ha sovrastato la carta stampata: solo il 29,1% legge quotidiani :ilSicilia.it

i dati Censis

Informazione online, la nuova era digitale ha sovrastato la carta stampata: solo il 29,1% legge quotidiani

di
8 Dicembre 2021

In un’era sempre più digitalizzata il volto della società muta velocemente e questo cambiamento parte, ed è ben visibile, soprattutto nel campo dell’informazione. Negli ultimi vent’anni, come non mai, l’ascesa di Internet ha cambiato radicalmente i canali di fruizione e di reperimento delle notizie. Potendo contare su centinaia di news al momento e un’accessibilità alla rete semplice e possibile per tutti sembra proprio che l’informazione online abbia preso il sopravvento. In uno scenario così apparentemente florido a pagarne i danni è però la carta stampata. È questo quello che risulta nel 55esimo Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese nel 2021.

I DATI

Dai dati risulta come l’ormai storica crisi dei media a stampa si sia accentuata: se nel 2007 i quotidiani erano letti dal 67,0%, nel 2021 la percentuale è calata drasticamente al 29,1%, segnando anche un netto negativo (-8,2%) rispetto a due anni prima. Stesso destino è toccato ai settimanali (-6,5%) e ai mensili (-7,8%).

Due dati che aiutano a comprendere come il bacino di utenza si sia spostato sono quelli relativi all’uso di Internet, dove l’utenza ha raggiunto quota 83,5% (con una differenza positiva di 4,2 punti percentuali rispetto al 2019), e sul boom registrato per la spesa dedicata all’acquisto di telefonini. Il Censis, tra il 2007 e il 2020, evidenzia come, mentre il valore dei consumi complessivi ha subito una drastica flessione, la spesa per l’acquisto di telefoni e equipaggiamento telefonico ha infatti moltiplicato per oltre cinque volte il suo valore (+450,7% nell’intero periodo, per un ammontare di 7,2 miliardi di euro nell’ultimo anno). La spesa dedicata all’acquisto di computer, audiovisivi e accessori ha riscontrato un rialzo rilevantissimo dell’89,7%. Opposto è il fronte per la spesa dedicato a libri e giornali che ha subito un vero e proprio crollo dal 2007 ad oggi: -45,9%

QUANTO HA INFLUITO IL COVID?

La pandemia non è certo stata d’aiuto: i vari lockdown e l’esigenza di essere sempre al corrente delle ultime news sui dati di diffusione e origine del virus hanno certamente avuto il loro peso. I quotidiani cartacei hanno registrato infatti l’11,7% di utenza a scopi informativi, il 5,8% in meno rispetto al 2019. Al contrario, a conferma degli ultimi trend, i quotidiani online hanno incrementato la loro utenza al 12,5% (+1,1%).

L’informazione al tempo del Covid vede in testa i telegiornali, i quali hanno mantenuto la loro posizione di vertice tra le fonti informative per il 60,1% degli italiani. Al secondo posto Facebook, utilizzato dal 30,1% a scopi informativi. Seguono i motori di ricerca come Google (22,9%) e le tv all news (22,5%).

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin