Infortuni sul lavoro in aumento Sicilia: raddoppiati quelli mortali :ilSicilia.it

i dati dell'inail

Infortuni sul lavoro in aumento Sicilia: raddoppiati quelli mortali

27 Aprile 2019

I dati sugli infortuni e sulle malattie professionali rilevati dall’Inail per il primo bimestre 2019 registrano in Sicilia variazioni negative rispetto allo stesso bimestre del 2018. Nel periodo Gennaio-Febbraio 2019 le denunce d’infortunio sono state 4.187 contro le 4.127 del periodo Gennaio-Febbraio 2018. I casi d’infortunio con esito mortale erano stati 5 nel primo bimestre 2018, sono ben 13 nello stesso periodo del 2019.

La stessa tendenza si registra a Palermo, dove le denunce d’infortunio passano dalle 894 del primo bimestre 2018 alle 961 del primo bimestre 2019 mentre gli infortuni mortali aumentano da 1 a 6.

Da segnalare l’incremento nel territorio regionale delle denunce di malattie professionali per tumore, che dai 9 casi del primo bimestre 2018 passano ai 12 del primo bimestre 2019, e per le malattie del sistema respiratorio, che da 13 diventano 22.

michelangelo-ingrassia
Michelangelo Ingrassia

“Da tempo ormai segnaliamo, con materiali di studio e delibere, la necessità di intervenire sui cicli lavorativi e produttivi che stanno trasformando il lavoro in lavoricidio”, dichiara Michelangelo Ingrassia, Presidente del Comitato Consultivo Provinciale Inail Palermo, che aggiunge: “Ora anche l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, nel Rapporto pubblicato il 26 aprile in occasione della Giornata Mondiale per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro, evidenzia che stiamo assistendo a profondi cambiamenti nei modi di lavorare e che abbiamo bisogno di strutture per la sicurezza e la salute che riflettano questi cambiamenti; ma è necessario intervenire anche sul fronte delle ispezioni che nel 2018 sono addirittura diminuite rispetto al 2017”.

Dall’ultimo Rapporto annuale sull’attività di vigilanza, presentato dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro il 18 aprile scorso a Roma, si apprende che nel 2018 le aziende ispezionate sono state 144.163 mentre nel 2017 erano state 160.347. “Si tratta di un dato drammatico”, continua Ingrassia, “perchè il numero delle ispezioni è insignificante in relazione al numero delle aziende che in Italia, secondo i dati Istat, sono circa cinque milioni”.

“Tanto è vero che diminuiscono le aziende ispezionate ma aumentano le percentuali di irregolarità riscontrate, che sono passate dal 65% del 2017 al 70% del 2018 mentre le percentuali accertate di lavoratori totalmente in nero sono passate dal 19% del 2017 al 26% del 2018; sono numeri che raccontano la quotidiana sconfitta delle politiche del lavoro adottate in questi ultimi anni in Italia, destinati ad aumentare senza una vera inversione di rotta”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona