Infrastrutture e trasporti, Cisl e Fit: "Serve un patto che metta in moto la Sicilia" :ilSicilia.it

i dettagli

Infrastrutture e trasporti, Cisl e Fit: “Serve un patto che metta in moto la Sicilia”

di
15 Gennaio 2021

C’è bisogno di connettere la Sicilia con un Patto per i Trasporti che preveda il coinvolgimento e il confronto con tutti i corpi sociali e una nuova visione politica che faccia prevalere responsabilità e non interessi di parte“.

É questa la richiesta continua ed incalzante della Cisl e della Fit siciliane, lanciata con le parole dei segretari generali Sebastiano Cappuccio e Dionisio Giordano nei confronti del governo regionale, a due anni dalla presentazione del libro bianco libro della Cisl sulle infrastrutture in Sicilia.

Un lavoro di ricognizione e di analisi che evidenziò in 240 pagine la situazione di stallo di molte opere, soprattutto viarie e ferroviarie, nonostante le reali e cospicue disponibilità economiche per la loro realizzazione, allora circa 12 miliardi.

Dopo due anni non è cambiato molto, quindi oggi più che mai c’è bisogno di avere una Sicilia dotata di un sistema infrastrutturale dei Trasporti moderno ed efficiente, utilizzando immediatamente le risorse disponibili, per garantire piena mobilità ai siciliani ed alle merci e l’accessibilità di tutte le aree del territorio regionale”, aggiungono i due segretari.

Il libro bianco fu anche l’occasione per un excursus approfondito sul trasporto viario, ferroviario, aereo e marittimo che evidenziò l’assenza di un sistema trasportistico integrato.

Mise in mostra l’esigenza di velocizzare il trasporto ferroviario, di eliminare la frammentazione del trasporto pubblico locale, di individuare due hub aeroportuali in Palermo e Catania e superare le criticità dei due scali minori di Trapani e Comiso.

Fu anche l’occasione di riproporre nell’ambito del diritto dei siciliani alla continuità territoriale sia il tema del trasporto marittimo verso le isole minori che la realizzazione del ponte sullo stretto di Messina.

L’emergenza sanitaria ha certamente rimarcato con forza quanto sia necessario il bisogno di mobilità di lavoratori e cittadini, delle imprese e dell’economia in genere e tutto ciò richiede un’immediata modernizzazione della regione, realizzando le opere previste e concretizzando un sistema dei trasporti e delle infrastrutture regionali articolato nei singoli territori ma interconnesso con l’Italia e l’Europa” spiegano Cappuccio e Giordano.

Con lo slogan Rimettiamo il moto il Paese“,  dice Salvatore Pellecchia segretario generale Fit Cisl Nazionale, “il sindacato aveva già evidenziato nel 2019 e quindi ancora prima della pandemia, che le enormi criticità che si addensavano sul settore dei trasporti correvano il serio rischio di rendere il paese meno competitivo”.

“Determinando perdita di efficienza del sistema produttivo italiano ed allargando il divario Nord-Sud, con le aree meridionali del paese sempre più arretrate e con maggiori difficoltà a tenere i livelli occupazionali, altro che crescita”, aggiunge il segretario della Fit.

Da qui la richiesta al governo di un Patto per i Trasporti, con regole chiare e trasparenti e con il lavoro collegiale frutto del coinvolgimento di tutti i corpi sociali e delle loro rappresentanze –  prosegue Pellecchia –  continua a essere oggi più che mai una priorità per il Paese e per il Sud“.

In questa direzione va ripreso il tema del Ponte sullo Stretto“, aggiungono i tre segretari Pellecchia, Cappuccio e Giordano, “opera utile e necessaria e di grande valore strategico per la continuità territoriale“.

Secondo la Cisl e la Fit Cisl dunque: “Sviluppo e crescita economica della Regione necessitano di tutto ciò e serve un confronto continuo e non sporadico con le parti sociali, il Presidente Musumeci e l’assessore alle Infrastrutture Falcone ascoltino le richieste di chi continua a rappresentare centinaia di migliaia di lavoratori e cittadini siciliani con il coinvolgimento di istituzioni ed imprese“.

Da qui la lettera aperta della Cisl Siciliana con la richiesta del segretario Cappuccio di “Un Patto di responsabilità” per andare oltre la pandemia indirizzata al Governo, all’Ars, all’Anci Sicilia ed alle imprese, 13 punti per realizzare una strategia di rilancio capace di far ripartire produzione ed occupazione in Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti