Infrastrutture, Falcone in visita nei cantieri delle Ss Bronte-Adrano e Licodia Eubea-Libertinia | CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it

la dichiarazione

Infrastrutture, Falcone in visita nei cantieri delle Ss Bronte-Adrano e Licodia Eubea-Libertinia | CLICCA PER IL VIDEO

di
23 Settembre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

«I lavori per l’ammodernamento della Bronte-Adrano, di cui oggi abbiamo constatato il positivo avvio, segnano l’inizio dell’attesa svolta per la Statale 284 e in generale per tutto l’itinerario Catania-Paternò-Randazzo. Ci sono le migliori premesse per aumentare in tempi relativamente brevi la sicurezza e la funzionalità di un’arteria che serve un ampio comprensorio densamente popolato del Catanese, considerando anche che l’anno prossimo andrà in gara il raddoppio Paternò-Adrano e che, a breve, partiranno anche i lavori per l’illuminazione di ben sette svincoli della Ss 121, da Misterbianco a salire. Il governo Musumeci è impegnato giorno dopo giorno a riversare in maniera efficace, sulle infrastrutture al servizio dei cittadini, gli investimenti in programma con Anas».

Lo ha dichiarato l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, in occasione del doppio sopralluogo di questa mattina ai cantieri Anas prima sulla Strada statale 284 “Occidentale Etnea”, nel tratto fra Bronte e Adrano e poi sulla Strada statale 683 Licodia Eubea-Libertinia, nel Calatino.

Ad accompagnare Falcone il direttore della Struttura territoriale Anas in Sicilia, Raffaele Celia. Presenti ad Adrano i deputati regionali Giovanni Bulla e Giuseppe Zitelli, a Caltagirone i deputati regionali Francesco Cappello e Giuseppe Compagnone, i sindaci di Caltagirone, Gino Ioppolo, di Grammichele, Giuseppe Purpora, e di Scordia, Franco Barchitta, il vicesindaco di Licodia Eubea Santo Cummaudo.

«Ero sindaco di Mirabella Imbaccari – ha aggiunto Falcone – quando, più di vent’anni fa, chiesi per la prima volta di avviare al più presto i lavori della Licodia Eubea-Libertinia, incompiuta tristemente famosa che adesso vede finalmente la luce. La Ss 683 svolgerà la funzione di raccordo fra la Catania-Ragusa, l’area del Calatino e l’A19 Palermo-Catania, bypassando la viabilità locale e abbassando i tempi di percorrenza, opera ancora attuale e molto attesa da cittadini e settori produttivi della zona. Quando il Governo Musumeci si è insediato, tutti davano quest’opera come persa per sempre. Oggi fra Regalsemi e la variante di Caltagirone abbiamo portato uomini e mezzi a lavoro, mentre entro fine anno contiamo di aggiudicare i lavori per il terzo e ultimo tratto della Licodia-Libertinia, opera nel complesso da 120 milioni di euro».

Sulla Statale 284, in prossimità dello svincolo di Adrano, i lavori di ammodernamento della carreggiata, riguardano un tratto complessivamente di circa 4 chilometri, dal km 26 al km 30. L’intervento di ampliamento della sede stradale e di realizzazione di marciapiedi, consentirà di rendere più sicura questo tratto di una delle arterie stradali più importanti della provincia di Catania. L’importo dei lavori è di poco superiore a 34,5 milioni di euro, ad eseguirli è la ditta Donati Spa che si è aggiudicata la gara d’appalto. La conclusione è prevista per fine aprile 2023.

Procedono i lavori anche sulla Statale 683 “Licodia Eubea – Libertinia”, che diverrà una strada di tipo extraurbano a due corsie. Dopo anni di attesa, l’intervento in corso, per un importo di 76 milioni di euro, riguarda 3,75 chilometri dallo svincolo Regalsemi fino alla Variante di Caltagirone. Lo scorso giugno, inoltre, il consiglio d’amministrazione di Anas ha approvato il progetto esecutivo del terzo lotto e, lo scorso 21 settembre, è scaduto il termine per la presentazione delle offerte per l’appalto. L’aggiudicazione verrà definita nelle prossime settimane.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.