Infrastrutture, Falcone: "Ok a nuovi commissari se ciò farà accelerare le opere" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Infrastrutture, Falcone: “Ok a nuovi commissari se ciò farà accelerare le opere”

di
18 Giugno 2021

«Ben venga la nomina di sei nuovi commissari, per altrettante strategiche opere da realizzare in Sicilia, se ciò porterà a un’effettiva accelerazione degli iter burocratici e all’avvio di cantieri che la Sicilia attende da anni. Per le sei infrastrutture in programma, il governo Musumeci, finora, ha sempre portato a termine quanto di propria competenza in tempi utili, allo scopo di restituire all’Isola quello sviluppo che possa muovere economia e lavoro».

Lo afferma l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, commentando la nomina da parte del ministro Enrico Giovanni di sei commissari straordinari per le seguenti opere in Sicilia: la metropolitana Catania-Paternò-Fontanarossa; il bypass ferroviario di Augusta; la tangenziale di Gela; la Statale 284 tratto Adrano-Paternò; la variante Trapani-Marsala-Mazara; il raddoppio del ponte Corleone a Palermo.

«È il caso, come primo esempio – prosegue Falcone – della Statale 284 del Catanese, nel tratto fra Adrano e Paternò, per la quale abbiamo rilanciato il percorso verso l’appaltabilità dell’opera, seguendo la progettazione e ottenendo il vaglio del Consiglio superiore dei lavori pubblici. Venendo incontro alle aspettative del territorio, inoltre, abbiamo voluto il prolungamento dell’ammodernamento della strada statale 284, per cui occorrono ancora almeno altri 150 milioni di euro da finanziare. Oggi, insomma, c’è tutto per arrivare al celere avvio dei lavori, sebbene riteniamo che l’assegnazione, in capo alle stesse figure commissariali, di molteplici e complesse opere in Sicilia chiami questi stessi professionisti a una notevole sfida lavorativa e gestionale. Confidiamo – conclude l’assessore – nella valutazione compiuta dal governo Draghi e nella loro capacità che, a più riprese, noi stessi abbiamo riconosciuto».

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin