Infrastrutture, la Cgil chiede alla Regione cronoprogramma per spendere 7 miliardi di fondi europei | ilSicilia.it :ilSicilia.it

lo domanda ilk segretario generale del sindacato Alfio Mannino

Infrastrutture, la Cgil chiede alla Regione cronoprogramma per spendere 7 miliardi di fondi europei

22 Luglio 2019

La Cgil Sicilia chiede al governo della regione un cronoprogramma per spendere i 7 miliardi di fondi europei disponibili per infrastrutture, specificando per ciascun programma “le risorse a disposizione, le quote di compartecipazione, lo stato di attuazione della spesa e il tasso di attivazione finanziaria”. La richiesta e’ contenuta in un documento a firma del segretario generale, Alfio Mannino, inviato all’assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao. Nei giorni scorsi governo e sindacati si erano incontrati per discutere del Defr 2020-2022 e in quella sede e’ stato concordato l’invio delle proposte da parte di Cgil, Cisl e Uil, di cui il governo, riferisce la Cgil, avrebbe tenuto conto nella stesura definitiva del documento regionale di economia e finanza.

“Le nostre sono proposte operative – dice Mannino – alla luce delle precarie e generiche previsioni programmatiche del documento finanziario regionale. Le nostre analisi confermano che gli investimenti infrastrutturali sono una priorita’ assoluta per la nostra regione perche’ il quadro deficitario delle infrastrutture condiziona pesantemente lo sviluppo di tutti i comparti del sistema Sicilia. Con risorse proprie risicate, la Regione non puo’ perdere l’occasione data dagli investimenti europei”. Nella nota all’assessore all’economia, la Cgil esprime preoccupazione per lo scarto nel Defr tra il Pil tendenziale e quello programmatico “che addirittura si azzera a partire dal 2021 con l’evidenza che i pochi investimenti programmati non riusciranno a incidere sulla crescita del sistema produttivo”.

La Cgil segnala anche che la Sicilia ha il piu’ basso indice sintetico di competitività infrastrutturale (29,8%) tra le regioni italiane ed e’ al posto 207 tra le regioni d’Europa. Dei 7 miliardi di cui la Cgil sollecita la spesa, 2,7 sono previsti per il 2019 e 1,9 per il 2020. La Cgil nel documento sottolinea che “occorre anche prevedere una stima massima dell’impatto dell’investimento sul Pil regionale, valutare i tempi di realizzazione delle opere e le parti sociali dovranno essere ascoltate in seguito per la valutazione complessiva sulla realizzazione del Defr”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.