Infrastrutture, la Cisl a Musumeci: "si avvii una cabina di regia". :ilSicilia.it
Palermo

Incontro oggi all'Ance Palermo

Infrastrutture, la proposta della Cisl a Musumeci: “si avvii una cabina di regia”

di
7 Luglio 2020

Un  modello di sviluppo infrastrutturale targato Sicilia, per rendere più efficienti le ferrovie, completare i lavori sulla rete stradale  e di tutte le opere cantierabili, passando per il potenziamento delle aree portuali, lo snellimento della macchina burocratica e la costruzione del tanto discusso Ponte sullo Stretto.

È la proposta lanciata dal segretario regionale della Filca Cisl, Paolo D’Anca, nel corso dell’incontro dal titolo “Infrastrutture: un modello per la Sicilia”, tenutosi nella sede dell’Ance Palermo con un parterre di partecipanti che contava tra gli altri la deputata nazionale del PD, Chiara Braga, il presidente di Ance Palermo, Massimiliano Miconi, Ettore de Cesbron de la Grennelais,  in rappresentanza di Anas Sicilia, il provveditore alle opere pubbliche per la Sicilia e la Calabria, Gianluca Ievolella, il segretario generale della Cisl Sicilia, Sebastiano Cappuccio, e ancora responsabile di Rfi Franco Palazzo, l’assessore regionale alle Infrastrutture,  Marco Falcone,  e il segretario generale nazionale Filca Cisl Franco Turri.

“Abbiamo voluto organizzare questo incontro -spiega il segretario della Filca, Paolo D’Anca- per offrire spunti di riflessione e lanciare la nostra idea di modello di sviluppo per la Sicilia, oggi più che mai ferita nel suo tessuto economico e produttivo dopo la drammatica crisi dovuta all’emergenza coronavirus”.
Il segretario generale della Cisl Sicilia, Sebastiano Cappuccio, lancia un appello alle istituzioni sul gap infrastrutturale:   “Abbiamo proposto al presidente Nello Musumeci una cabina di regia interassessoriale e interistituzionale aperta alle forze sociali e chiediamo da tempo che si stipuli un forte patto sociale che parta dalle infrastrutture quale tema essenziale per la vita sociale, economica e produttiva della Sicilia. Adesso -conclude Cappuccio – è tempo che i governi regionale e nazionale diano risposte concrete, avviando una proficua stagione di confronto con le parti sociali”.

L’imperativo deve essere ripartire -spiega Franco Turri- per rilanciare un settore trainante per tutta l’economia e lo sviluppo produttivo,  nel rispetto delle regole, della legalità e della trasparenza e tutelando i lavoratori.Saremo  in prima linea per far valere le nostre proposte sui tavoli istituzionali e proprio dalla Sicilia e da tutto il Mezzogiorno bisogna lanciare il messaggio che il Sud deve essere il traino di questo rilancio perché non possiamo prescindere dal Mezzogiorno, che deve essere considerato una risorsa preziosa e non una zavorra”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.