Ingroia, "Dopo le parole di Graviano c'è ancora chi nega la trattativa?" :ilSicilia.it
Palermo

L'ex pm sostiene il collega e amico Nino Di Matteo

Ingroia, “Dopo le parole di Graviano c’è ancora chi nega la trattativa?”

10 Giugno 2017

Ingroia“Dopo le sconvolgenti intercettazioni di Giuseppe Graviano c’è ancora chi ha il coraggio di negare che dietro alle stragi di mafia dei primi anni 90 ci fossero anche mandanti politici? C’è ancora chi insiste col dire che non c’è stata alcuna trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa nostra per ragioni politiche in cambio dell’allentamento del 41 bis? E, soprattutto, c’è ancora qualcuno che ha il coraggio di negare i rapporti tra Berlusconi e Graviano?”. Così l’ex pm antimafia Antonio Ingroia a proposito delle intercettazioni del boss mafioso Giuseppe Graviano depositate agli atti del processo trattativa Stato-mafia.

“Chi meglio di Graviano – aggiunge – poteva confermare tutta la ricostruzione dell’indagine trattativa Stato-mafia e dei rapporti di Berlusconi con i boss stragisti? Erano queste alcune delle verità che non si dovevano scoprire, ragion per cui io prima e Di Matteo poi siamo stati tanto duramente attaccati e tanto ferocemente osteggiati? La speranza è che finalmente si arrivi, un pezzo alla volta, a scoprire tutta la verità su quella stagione terribile. Tardi, indubbiamente. Ma meglio tardi che mai. Intanto – conclude Ingroia – viene naturale chiedersi in che senso Renzi consideri Berlusconi un ‘padre della Patria’, tanto da voler stringere accordi con lui”. 

Berlusconi e Graviano

Tra le altre intercettazioni depositate ieri vi è pure quella che parla di Saverio Romano: “È stato sempre della Dc, poi è passato con Cuffaro e successivamente con Casini. Ha fatto anche il ministro dell’Agricoltura ed è sempre stata una persona onesta“. Sono le frasi dette dal boss Giuseppe Graviano parlando, intercettato, con un altro detenuto e trascritte dagli ufficiali di polizia giudiziaria.

Non mancano poi cenni al movimento indipendentista Sicilia Libera, voluto dal boss Leoluca Bagarella. “Forza Italia – dice Graviano – tutti i voti li ha presi grazie a Sicilia Libera, perché se tutta la Sicilia diventava autonoma, diventava un paradiso, no solo fiscale, addivintava un paradiso su tutto…su tutto, perché tante cose non sarebbero avvenute”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.