Ingroia, "Dopo le parole di Graviano c'è ancora chi nega la trattativa?" :ilSicilia.it
Palermo

L'ex pm sostiene il collega e amico Nino Di Matteo

Ingroia, “Dopo le parole di Graviano c’è ancora chi nega la trattativa?”

10 Giugno 2017

Ingroia“Dopo le sconvolgenti intercettazioni di Giuseppe Graviano c’è ancora chi ha il coraggio di negare che dietro alle stragi di mafia dei primi anni 90 ci fossero anche mandanti politici? C’è ancora chi insiste col dire che non c’è stata alcuna trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa nostra per ragioni politiche in cambio dell’allentamento del 41 bis? E, soprattutto, c’è ancora qualcuno che ha il coraggio di negare i rapporti tra Berlusconi e Graviano?”. Così l’ex pm antimafia Antonio Ingroia a proposito delle intercettazioni del boss mafioso Giuseppe Graviano depositate agli atti del processo trattativa Stato-mafia.

“Chi meglio di Graviano – aggiunge – poteva confermare tutta la ricostruzione dell’indagine trattativa Stato-mafia e dei rapporti di Berlusconi con i boss stragisti? Erano queste alcune delle verità che non si dovevano scoprire, ragion per cui io prima e Di Matteo poi siamo stati tanto duramente attaccati e tanto ferocemente osteggiati? La speranza è che finalmente si arrivi, un pezzo alla volta, a scoprire tutta la verità su quella stagione terribile. Tardi, indubbiamente. Ma meglio tardi che mai. Intanto – conclude Ingroia – viene naturale chiedersi in che senso Renzi consideri Berlusconi un ‘padre della Patria’, tanto da voler stringere accordi con lui”. 

Berlusconi e Graviano

Tra le altre intercettazioni depositate ieri vi è pure quella che parla di Saverio Romano: “È stato sempre della Dc, poi è passato con Cuffaro e successivamente con Casini. Ha fatto anche il ministro dell’Agricoltura ed è sempre stata una persona onesta“. Sono le frasi dette dal boss Giuseppe Graviano parlando, intercettato, con un altro detenuto e trascritte dagli ufficiali di polizia giudiziaria.

Non mancano poi cenni al movimento indipendentista Sicilia Libera, voluto dal boss Leoluca Bagarella. “Forza Italia – dice Graviano – tutti i voti li ha presi grazie a Sicilia Libera, perché se tutta la Sicilia diventava autonoma, diventava un paradiso, no solo fiscale, addivintava un paradiso su tutto…su tutto, perché tante cose non sarebbero avvenute”.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.