Ingroia scrive a Salvini: "Senza scorta sono in grave pericolo" :ilSicilia.it
Palermo

Anche il pm Di Matteo a suo sostegno

Ingroia scrive a Salvini: “Senza scorta sono in grave pericolo”

22 Giugno 2018

Ha scritto tre lettere: una a Marco Minniti, due al suo successore Matteo Salvini. Nell’ultima, spedita ieri, Antonio Ingroia ribadisce che, rimasto senza scorta dopo 27 anni, si prospetta per l’ex pm della trattativa una “condizione di pericolo grave e attuale”.

“Ne ho parlato – aggiunge – anche con il capo della polizia Franco Gabrielli”. La decisione di revocare la scorta a Ingroia, come scrive il Fatto quotidiano, è stata presa a maggio dall’ufficio interforze per la sicurezza personale, d’intesa con i prefetti di Roma e Palermo. Sarebbero venute meno per Ingroia, sostiene l’Ucis, le ragioni di una tutela rafforzata. Opposte le opinioni di altri magistrati come Antonino Di Matteo (“La mafia e i potenti che colludono con la mafia non dimenticano”) e Francesco Del Bene che con Ingroia hanno condiviso la gestione di vari processi di mafia e del procedimento per la trattativa fino al rinvio a giudizio degli imputati. Il sociologo Nando Dalla Chiesa ha ipotizzato per questo una “rappresaglia“.

“Non vorrei pensare – sottolinea Ingroia – che ci sia una motivazione del genere. Ma, certo, la scorta viene revocata due settimane dopo la sentenza con la quale sono stati condannati mafiosi e uomini delle istituzioni”.

Processo Trattativa, le condanne (Ansa Centimetri 21.04.2018)
Processo Trattativa, le condanne (Ansa Centimetri 21.04.2018)

Quali segnali indicano l’attualità di un pericolo per Ingroia? L’ex magistrato, che dopo avere tentato un percorso politico ha avuto incarichi come manager pubblico e ora svolge la professione di avvocato, ricorda le intercettazioni in carcere di Totò Riina e le dichiarazioni del collaboratore messinese Carmelo D’Amico secondo il quale ci sarebbe stato un progetto della mafia e della ‘ndrangheta per eliminare prima Ingroia poi Di Matteo con il coinvolgimento dei servizi segreti.

Il progetto, secondo il pentito, sarebbe stato accantonato perché sarebbe stato necessario ricorrere all’esplosivo e quindi a una strage. Perché anche la ‘ndrangheta vorrebbe eliminare Ingroia? “Vorrei ricordare – aggiunge l’ex magistrato – che come avvocato mi sono costituito parte civile in processi contro la mafia e contro la ‘ndrangheta”.

Da due giorni a Ingroia è assegnata una “vigilanza dinamica” in orario convenuto. “In sostanza – dice – devo comunicare con sufficiente anticipo i miei movimenti con una mail. E nel luogo dove mi trovo vengo raggiunto da una volante per un’attività di controllo. Lascio che siano gli altri a valutare almeno l’opportunità di una tale misura. Che Stato è uno Stato che si rifiuta di proteggere e garantire la sicurezza di chi lo ha servito a lungo e fedelmente, mettendo a rischio la propria vita?, scrive in una nota la Lista del Popolo per la Costituzione.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.