Insospettabile pensionato teneva reperti archeologici in casa :ilSicilia.it
Agrigento

Denunciato l'uomo a Sciacca. I ritrovamenti risalgono a 500 anni prima di Cristo

Insospettabile pensionato teneva reperti archeologici in casa

di
3 Maggio 2017

I militari della Guardia di Finanza di Sciacca hanno individuato e sequestrato numerosi reperti archeologici, detenuti illegalmente presso il proprio domicilio da un professionista pensionato. I reperti sequestrati dalle Fiamme Gialle, giudicati da funzionari della Soprintendenza di Agrigento di assoluto valore ed interesse storico, sono due anfore del I e III secolo d.C., un vaso corinzio del V secolo a.C., una coppa dell’età del bronzo (dal 3500 A.C. al 1200 A.C.), una coppa per ostie consacrate e una pateretta del IV secolo a.C., due alabastron del V secolo a.C., oltre a svariate formelle decorative settecentesche in ceramica. Le indagini hanno consentito di dimostrare come le maioliche corrispondessero a quelle trafugate dalla tomba monumentale della famiglia Virgadamo, presso il cimitero di Burgio.

L’attività si è conclusa con il sequestro dei reperti e con la denuncia alla Procura del professionista per impossessamento illecito di beni appartenenti allo Stato e ricettazione. A coordinare l’inchiesta è stato il procuratore di Sciacca Roberta Buzzolani.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.