Insulti in diretta a Falcone e Borsellino, la Rai: "Parole indegne, avviata istruttoria" :ilSicilia.it

nel corso del programma "realiti"

Insulti in diretta a Falcone e Borsellino, la Rai: “Parole indegne, avviata istruttoria”

10 Giugno 2019

Prima puntata densa di polemiche per Enrico Lucci che il 5 giugno ha inaugurato Realiti, il suo nuovo programma in onda su Rai 2. L’emittente statale ha aperto un’istruttoria perché gli ospiti hanno usato parole poco rispettose nei confronti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, i magistrati assassinati dalla mafia nel 1992.

Si tratta di due cantanti “neomelodici”: Leonardo Zappalà, 19 anni, in arte “Scarface” e Niko Pandetta, catanese, detto “Tritolo”. Quest’ultimo è il nipote di Turi Cappello, un boss condannato all’ergastolo.

I fatti. Zappalà dopo aver visto un filmato su Falcone e Borsellino ha affermato che “Queste persone che hanno fatto queste scelte di vita le sanno le conseguenze. Come ci piace il dolce ci deve piacere anche l’amaro”.

Pandetta, invece, ha dichiarato che molte delle sue canzoni son dedicate allo zio in regime di 41bis e che alcuni testi sono scritti proprio da Cappello: “Mio zio scrive i testi delle canzoni dal 41 bis, il primo cd l’ho finanziato con una rapina“.

Zio Turi  – recita “Dedicata a te” – ti ringrazio per quello che hai fatto per me, sei stato la scuola di questa vita e per colpa di questi pentiti stai chiuso lì dentro al 41 bis”.

Puntuale arriva la presa di distanze da parte della Rai: “L’Azienda – si legge in un comunicato stampa – ritiene indegne le parole su Giovanni Falcone e Paolo Borsellino pronunciate da due ospiti della puntata di ‘Realiti’, andata in onda su Rai2 in diretta”. Poi annunciano anche di aver “avviato un’istruttoria per ricostruire tutti i passaggi della vicenda”.

“Direttore di rete, conduttore, autori – prosegue la nota di viale Mazzini – sono stati ampiamente sensibilizzati sulla necessità di porre la massima attenzione sulla scelta degli ospiti, delle tematiche e sulla modalità di trattazione di argomenti ‘sensibili’; in coerenza con quanto ogni giorno la Rai testimonia attraverso programmi, eventi speciali e fiction dedicati alla sensibilizzazione della collettività contro la criminalità organizzata e a sostegno della memoria dei tanti martiri delle mafie”.

Un segnale, da parte della Rai, apprezzato da Maria Falcone, sorella del magistrato ucciso, e presidente della fondazione intitolata al fratello. “È fonte di sollievo – dice – che tantissimi italiani si siano indignati davanti alle scellerate parole di un giovane che ha mostrato in diretta tv la sua ignoranza e la sua superficialità, parlando di temi di cui non ha alcuna conoscenza ed esprimendo giudizi su persone che per difendere la sua Terra e il suo futuro hanno perso la vita”.

“Riteniamo che sia fondamentale un controllo da parte degli autori e dei conduttori delle trasmissioni tv che tanto impatto hanno sull’opinione pubblica e sulla formazione delle coscienze, soprattutto quando si affrontano temi tanto importanti. La nota della Rai di oggi – conclude – è l’ulteriore prova della sensibilità sempre mostrata dall’azienda – conclude – sui temi della legalità e della criminalità organizzata”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.