Insulti in diretta a Falcone e Borsellino, la Rai: "Parole indegne, avviata istruttoria" :ilSicilia.it

nel corso del programma "realiti"

Insulti in diretta a Falcone e Borsellino, la Rai: “Parole indegne, avviata istruttoria”

di
10 Giugno 2019

Prima puntata densa di polemiche per Enrico Lucci che il 5 giugno ha inaugurato Realiti, il suo nuovo programma in onda su Rai 2. L’emittente statale ha aperto un’istruttoria perché gli ospiti hanno usato parole poco rispettose nei confronti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, i magistrati assassinati dalla mafia nel 1992.

Si tratta di due cantanti “neomelodici”: Leonardo Zappalà, 19 anni, in arte “Scarface” e Niko Pandetta, catanese, detto “Tritolo”. Quest’ultimo è il nipote di Turi Cappello, un boss condannato all’ergastolo.

I fatti. Zappalà dopo aver visto un filmato su Falcone e Borsellino ha affermato che “Queste persone che hanno fatto queste scelte di vita le sanno le conseguenze. Come ci piace il dolce ci deve piacere anche l’amaro”.

Pandetta, invece, ha dichiarato che molte delle sue canzoni son dedicate allo zio in regime di 41bis e che alcuni testi sono scritti proprio da Cappello: “Mio zio scrive i testi delle canzoni dal 41 bis, il primo cd l’ho finanziato con una rapina“.

Zio Turi  – recita “Dedicata a te” – ti ringrazio per quello che hai fatto per me, sei stato la scuola di questa vita e per colpa di questi pentiti stai chiuso lì dentro al 41 bis”.

Puntuale arriva la presa di distanze da parte della Rai: “L’Azienda – si legge in un comunicato stampa – ritiene indegne le parole su Giovanni Falcone e Paolo Borsellino pronunciate da due ospiti della puntata di ‘Realiti’, andata in onda su Rai2 in diretta”. Poi annunciano anche di aver “avviato un’istruttoria per ricostruire tutti i passaggi della vicenda”.

“Direttore di rete, conduttore, autori – prosegue la nota di viale Mazzini – sono stati ampiamente sensibilizzati sulla necessità di porre la massima attenzione sulla scelta degli ospiti, delle tematiche e sulla modalità di trattazione di argomenti ‘sensibili’; in coerenza con quanto ogni giorno la Rai testimonia attraverso programmi, eventi speciali e fiction dedicati alla sensibilizzazione della collettività contro la criminalità organizzata e a sostegno della memoria dei tanti martiri delle mafie”.

Un segnale, da parte della Rai, apprezzato da Maria Falcone, sorella del magistrato ucciso, e presidente della fondazione intitolata al fratello. “È fonte di sollievo – dice – che tantissimi italiani si siano indignati davanti alle scellerate parole di un giovane che ha mostrato in diretta tv la sua ignoranza e la sua superficialità, parlando di temi di cui non ha alcuna conoscenza ed esprimendo giudizi su persone che per difendere la sua Terra e il suo futuro hanno perso la vita”.

“Riteniamo che sia fondamentale un controllo da parte degli autori e dei conduttori delle trasmissioni tv che tanto impatto hanno sull’opinione pubblica e sulla formazione delle coscienze, soprattutto quando si affrontano temi tanto importanti. La nota della Rai di oggi – conclude – è l’ulteriore prova della sensibilità sempre mostrata dall’azienda – conclude – sui temi della legalità e della criminalità organizzata”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin